REGOLARIZZAZIONE SPLAFONAMENTO IVA

ALCUNI CHIARIMENTI IN MERITO ALLE VARIE MODALITÀ DI REGOLARIZZAZIONE DELLO SPLAFONAMENTO IVA

Aggiornato al 06.05.2013

In caso di splafonamento l’esportatore abituale ha tre possibili alternative per regolarizzare la violazione:

  • chiedere al fornitore di emettere una nota di variazione e provvedere al versamento di interessi e sanzioni;
  • emettere un’ autofattura in duplice esemplare e provvedere al versamento, in via autonoma, della relativa IVA, delle sanzioni e degli interessi;
  • emettere un’ autofattura in duplice esemplare e provvedere al versamento dell’IVA e degli interessi in sede di liquidazione periodica IVA, versando separatamente le sanzioni.

In merito a quest’ultima alternativa, occorre dire che la CM 12/E del 2008, al punto 10.4, non prevede, come metodo per sanare la violazione, la possibilità di emissione dell’autofattura con regolarizzazione in sede di liquidazione periodica IVA, possibilità che invece era contemplata nella precedente prassi ministeriale.

Ciò potrebbe far sorgere dei dubbi sulla possibilità di utilizzare ancora questo metodo per regolarizzare eventuali splafonamenti, anche se tale modalità di regolarizzazione della violazione non è stata espressamente negata.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net