SCONTO PAGHERO' DIRETTO

SCRITTURE CONTABILI RELATIVE ALLO SCONTO DI PAGHERÒ DIRETTO

Aggiornato al 03.10.2008

La sovvenzione cambiaria, detta anche sconto di pagherò diretto, è un’operazione di finanziamento attraverso la quale la banca anticipa all’impresa una somma di denaro chiedendo in cambio il rilascio di un pagherò diretto.

Vediamo quali sono le scritture contabili generate da questa operazione di finanziamento attraverso degli esempi.

Esempio:
L’impresa Alfa snc sconta un pagherò diretto a 4 mesi del valore nominale di 12.000 euro. La banca accredita sul c/c dell’impresa 11.200 euro. La differenza rappresenta gli interessi, le commissioni e il bollo trattenuti dalla banca.

La scrittura in partita doppia è la seguente:


Sconto di pagherò diretto

Il conto sovvenzioni cambiarie rappresenta il debito che l’impresa ha nei confronti della banca.

Alla scadenza si possono avere tre distinte situazioni:

  1. ESTINZIONE DELL’EFFETTO

    L’impresa restituisce alla banca quanto dovuto.

    Esempio:
    L’impresa Alfa snc, alla scadenza del pagherò diretto, provvede all’estinzione del prestito rimborsando alla banca 12.000 euro.

    La scrittura in partita doppia è la seguente:


    Sconto di pagherò diretto


  2. RINNOVO TOTALE DELL’EFFETTO

    L’impresa, alla scadenza, ottiene il rinnovo di tutto il prestito.

    Esempio:
    L’impresa Alfa snc, alla scadenza del pagherò diretto ottiene il suo rinnovo a 4 mesi, rilasciando un nuovo effetto di 12.000 euro e regolando in contanti gli interessi relativi al nuovo prestito pari a 850.

    La scrittura in partita doppia è la seguente:


    Sconto di pagherò diretto


  3. RINNOVO PARZIALE DELL’EFFETTO

    L’impresa, alla scadenza, rimborsa una parte del prestito alla banca, e ottiene il rinnovo della parte restante con il rilascio di un nuovo pagherò diretto.

    Esempio:
    L’impresa Alfa snc, alla scadenza del pagherò diretto versa in contanti, alla banca, 9.000 euro ad estinzione di una parte del prestito. Per la parte restante rilascia un effetto di 3.200 euro. La differenza rappresenta interessi, commissioni e bollo applicati dalla banca.

    La scrittura in partita doppia è la seguente:


    Sconto di pagherò diretto



 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net