Vai alla home page Scrivici una e-mail Chi sono Collabora col sito
       
Ricerca personalizzata

 

Iscriviti alla newsletter


Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque argomento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookies.

 

Visualizza i nostri approfondimenti  
Accedi ai nostri corsi gratuiti  
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping  

 

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 
Siti partner:  

 
   
www.SchedeDiGeografia.net  
 
 
www.StoriaFacile.net - Per studiare la storia con facilità  
 
 
Utilità  
   
 

 

 
 
 
 
 
 

 
 

 

 

   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Ravvedimento operoso ai fini IVA - Come procedere al ravvedimento operoso in caso di omesso o insufficiente versamento IVA - a cura di www.StudioLicata.org

 

 

 
 
 

Approfondimento del  21.04.2008

 

N.d.R.: per le nuove misure delle sanzioni in caso di ravvedimento, leggi Ravvedimento operoso: nuove misure delle sanzioni e Ravvedimento operoso 2011

 

Anche nel caso di omesso e/o insufficiente versamento dell’imposta derivante dalle liquidazioni periodiche, acconti o dichiarazioni annuali IVA, è possibile applicare il disposto dell'art. 13 del D.Lgs.472/1997.

 

In particolare la sanzione prevista è pari al 30% dell’importo non versato, ma viene ridotta come sotto riportato, rispettivamente se:

  1. entro 30 giorni dalla commissione della violazione, mediante il contestuale pagamento:

  • dell’imposta dovuta;

  • di 1/8 del minimo della sanzione irrogabile;

  • degli interessi moratori;

  1. entro il termine per il ravvedimento lungo entro l’anno in cui è stata commessa la violazione mediante il contestuale pagamento:

  • dell’imposta dovuta;

  • di 1/5 del minimo della sanzione irrogabile;

  • degli interessi moratori.

Pertanto, l’ammontare della sanzione ridotta sarà pari al:

  • 3,75% (ossia 1/8 della sanzione minima pari al 30%) dell’imposta non versata, se la regolarizzazione avviene entro 30 giorni dalla violazione;

  • 6% (ossia 1/5 della sanzione minima pari al 30%) dell’imposta non versata, se la regolarizzazione avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata commessa la violazione o, se non è prevista la dichiarazione periodica, entro un anno dalla violazione (cosiddetto "ravvedimento lungo").

Si ricorda che gli interessi calcolati vengono calcolati col tasso legale attualmente del 2,5% (Nota della redazione: dal 1° gennaio 2008 la misura degli interessi legali è del 3% - dal 1° gennaio 2010 la misura degli interessi legali è dell'1%).

 

Ipotizziamo una omissioni di versamento di € 1.000,00 riguardante il versamento IVA mensile scadente il 16 gennaio 2006. Se la regolarizzazione avviene entro il termine breve dei trenta giorni e cioè entro il 15 febbraio, si può applicare la regola del ravvedimento breve, che consiste nel versare l’imposta di € 1.000,00 la sanzione ridotta del 3,75% pari a € 37,50 e gli interessi calcolati nella misura del 2,5 % in ragione annuale pari a € 2,06.

 

Come compilare il modello F24 - Codice Tributo 6001

VERSAMENTO IVA MENSILE GENNAIO

Sezione modello F24 da compilare: ERARIO

Riferimento Normativo: DPR 600 del 1973 Art. 25

Importo: 1.000,00 euro

Anno di imposta: 2006

 

SEZIONE ERARI

SEZIONE ERARIO

IMPOSTE DIRETTE - IVA -

RITENUTE ALLA FONTE

ALTRI TRIBUTI E INTERESSI

 

codice tributo

rateiz.

reg.-

prov

anno di riferimento

importi a debito versati

importi a credito compensati

 

(1) 6001

(11)

8904

(2)

(3) 2006

(3)

2006

(4)

1.002,06

(12)

37,50

   

Codice ufficio

(9)

Codice atto

 

(10)

TOTALE

A

(6)

B

(7)

SALDO

(A -B

(8) + 1.039,56

O

Campi del modello F24 come compilare il campo

(1) codice tributo: indicare 6001

(2) rateazione/regione/prov: non compilare

(3) anno di riferimento: anno d’imposta per cui si effettua il pagamento, nell’esempio 2006

(4) importi a debito versati: indicare l'importo a debito 1.000,00 + 2,06 di interessi

(5) importi a credito compensati: non compilare

(6) TOTALE A: somma degli importi a debito indicati nella Sezione Erario

(7) TOTALE B: somma degli importi a credito indicati nella Sezione Erario, non compilare se non sono presenti importi a credito

(8) SALDO (A - B): indicare il saldo (TOTALE A - TOTALE B)

(9) codice ufficio: non compilare

(10) codice atto: non compilare

(11) codice regolarizzazione indicare 8904

(12) importo sanzione indicare il 3,75 del dovuto

 

 

Per la regolarizzazione in caso di versamento oltre i 30 giorni basta calcolare la sanzione prevista nella misura del 6% calcolata dal 31 giorno sino all'anno di omissione e/o ritardato versamento. 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Ravvedimento sprint

Omesso versamento di imposte

Ravvedimento operoso 2011

Ravvedimento operoso: nuove misure sanzioni

Mancato versamento IVA

Ravvedimento operoso - f24

Ravvedimento operoso: le regole per i sostituti d'imposta

Ravvedimento operoso - ICI

Ravvedimento operoso: imposta di registro

Ravvedimento operoso: tassa di vidimazione libri sociali

Erario c/IVA

Ravvedimento operoso: arrotondamento sanzioni

Interessi legali: nuove misure a partire dal 1° gennaio 2010

Interessi legali: nuova misura 2012

Interessi legali: nuova misura 2014

Ravvedimento operoso splafonamento IVA


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

Problemi con la matematica?


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 01685640680

___

Siti amici