LEASING PROFESSIONISTI

LE REGOLE SULLA DEDUCIBILITÀ DEI CANONI DI LEASING DA PARTE DEI PROFESSIONISTI

Aggiornato al 11.02.2013
Per la deducibilità dei canoni di leasing stipulati a partire dal 1/1/2014 da parte dei professionisti, si veda Canoni leasing professionisti .

Il reddito imponibile di artisti e professionisti è determinato secondo il principio di cassa come differenza tra i compensi in denaro e in natura percepiti nel periodo d’imposta e le spese sostenute nell’esercizio dell’arte o della professione nello stesso periodo d’imposta:


REDDITO IMPONIBILE
=
COMPENSI IN DENARO O IN NATURA INCASSATI NEL PERIODO
-
SPESE SOSTENUTE NEL PERIODO
.

Esistono, tuttavia, delle eccezioni al principio di cassa. Una di queste eccezioni è rappresentata dai canoni di leasing: essi sono deducibili nel periodo d’imposta in cui maturano. Quindi, per i canoni di leasing, si applica il principio di competenza.

Per i contratti di leasing stipulati a partire dal 29 aprile 2012 i canoni di locazione finanziaria relativi a beni strumentali all’esercizio dell’arte o professione sono deducibili a prescindere dalla durata del contratto.


La deduzione dei canoni di locazione finanziaria è ammessa:

  • per i beni mobili - per un periodo non inferiore alla metà del periodo di ammortamento fiscale;
  • per i beni immobili - per un periodo non inferiore alla metà del periodo di ammortamento fiscale.

    Se applicando tale regola si ha un risultato inferiore a otto anni, ovvero, superiore a quindici anni, la deduzione è ammessa per un periodo, rispettivamente, non inferiore a 8 anni, ovvero, pari almeno a 15 anni;

  • per gli autoveicoli - per un periodo non inferiore a 4 anni.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net