Vai alla home page Scrivici una e-mail Chi sono Collabora col sito
       
Ricerca personalizzata

 

Iscriviti alla newsletter


Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque argomento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookies.

 

Visualizza i nostri approfondimenti  
Accedi ai nostri corsi gratuiti  
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping  

 

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 
Siti partner:  

 
   
www.SchedeDiGeografia.net  
 
 
www.StoriaFacile.net - Per studiare la storia con facilità  
 
 
Utilità  
   
 

 

 
 
 
 
 
 

 
 

 

 

   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Principio di competenza e principio di cassa - le regole da applicare nella determinazione del reddito di lavoro autonomo e nel reddito d'impresa

 

 

 
 
 

Approfondimento del 03.10.2008

 

La determinazione del reddito imponibile di imprese e di lavoratori autonomi segue regole diverse.

 

Le imprese determinano il loro reddito in base al principio di competenza.

I lavoratori autonomi, invece, adottano il principio di cassa.

 

IMPRESE

Le imprese determinano il reddito contabile (cioè il reddito risultante dal bilancio) applicando il principio di competenza. Lo stesso criterio si applica nel determinare il reddito imponibile (cioè il reddito soggetto a tassazione sotto il profilo fiscale).

 

Secondo il principio di competenza il reddito è calcolato nel modo seguente:  

 

ricavi di competenza dell’esercizio - costi di competenza dell’esercizio.

 

Un costo è di competenza dell’esercizio se, nell’esercizio stesso, è maturato o ha dato la sua utilità o ha trovato copertura in un relativo ricavo. Allo stesso modo un ricavo può essere considerato di competenza dell’esercizio se è maturato nell’esercizio o se ha trovato in esso il suo correlativo costo.

Si possono avere, pertanto, costi e ricavi pagati o incassati nello stesso esercizio in cui si ha la competenza economica: si dice allora che competenza economia e manifestazione finanziaria coincidono.

Si possono però avere anche:

  • costi pagati e ricavi incassati in un esercizio precedente rispetto a quello di competenza economica: si dice allora che la manifestazione finanziaria è anticipata rispetto alla competenza economica;

  • costi pagati e ricavi incassati in un esercizio successivo rispetto a quello di competenza economica: si dice allora che la manifestazione finanziaria è posticipata rispetto alla competenza economica.

 

Nel determinare il reddito d’impresa, quindi, non si deve tenere conto della manifestazione finanziaria di un certo fatto di gestione, ma solamente della sua competenza economica.

 

Esempio:

Supponiamo che un’impresa mercantile acquisti, nel corso dell’esercizio, merci per 7.000 euro, pagandole in contanti. Nel corso dello stesso esercizio tutta la merce è stata venduta per un importo pari a 10.000 euro, anche se una parte di tale importo sarà incassato nell’esercizio successivo.

Per semplicità supponiamo che questa sia l’unica operazione compiuta dall’impresa.

Dovendosi applicare il principio di competenza, e non quello di cassa, il reddito dell’impresa ammonta a 3.000 euro (10.000 – 7.000) anche se una parte dei ricavi darà luogo alla manifestazione finanziaria nell’esercizio successivo.

 

LAVORATORI AUTONOMI

I lavoratori autonomi determinano il reddito imponibile in base al principio di cassa, cioè tenendo conto esclusivamente delle somme incassate e delle spese pagate.

 

Quindi, secondo il principio di cassa il reddito è calcolato nel modo seguente:  

 

compensi incassati nell’anno - costi pagati nell’anno.

 

Pertanto, l’anno di fatturazione di un compenso, potrebbe non coincidere con quello del suo pagamento e lo stesso può avvenire per le spese.

 

Nel determinare il reddito di lavoro autonomo, quindi, si deve tenere conto del momento dell’incasso del compenso o del pagamento della spesa.

 

Esempio:

Supponiamo che un geometra fatturi nel corso dell’esercizio compensi per 100.000 euro. Di questi gli vengono pagati solamente 80.000 euro. Egli ha ricevuto fatture di acquisto per 3.000 euro, di cui ne ha pagate solamente 2.000.

Dovendosi applicare il principio di cassa, il reddito del geometra ammonta a 78.000 euro (80.000 – 2.000).

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Corso on line gratuito: l'ammortamento nella determinazione del reddito di lavoro autonomo


 
 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

Problemi con la matematica?


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 01685640680

___

Siti amici