www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Registri IVA - quali sono i registri IVA che le imprese hanno l’obbligo di tenere e quali possono essere tenuti in aggiunta a quelli obbligatori

 

 

 

 
 

Aggiornato al 01.01.2019

 

Tutte le imprese hanno l’obbligo di tenere due registri IVA:

 

 

La regola sopra esposta presenta alcune eccezioni. Così, ad esempio, i contribuenti in contabilità forfettaria si limitano:

  • all'emissione delle fatture relative alla cessione di beni e alla prestazione di servizi;

  • alla certificazione dei corrispettivi;

  • alla numerazione e conservazione delle fatture di acquisto

senza obbligo di tenuta dei registri IVA.

 

 

 

Nel registro degli acquisti vanno annotate:

  • le fatture relative ad acquisti interni ed intracomunitari;

 

 

 

Nel registro delle fatture emesse vanno annotata:

  • le fatture emesse relative a cessioni o prestazioni di servizi interne o intracomunitarie o ad esportazioni;

  • le fatture per acquisti intracomunitari;

  • le fatture per acquisti da soggetti non residenti;

 

 

Il registro dei corrispettivi può sostituire il registro delle fatture emesse nel caso di dettaglianti e soggetti assimilati.

Le vendite al dettaglio e le prestazioni effettuate da tali categorie vanno annotate sul registro dei corrispettivi, separatamente dalle operazioni non imponibili o esenti in un unico importo giornaliero, comprensivo di IVA, suddiviso per aliquota.

 

 

Esistono, poi, tutta una serie di registri IVA che devono essere tenuti solamente in ipotesi particolari. Essi sono:

  • il registro riepilogativo nel caso in cui l’impresa tenga dei registri IVA sezionali;

  • i registri sezionali per acquisti intra-Ue, qualora l’impresa non voglia effettuare la registrazione degli acquisti intracomunitari sia sul registro vendite che sul registro acquisti. Trattandosi di un registro sezionale esso rende obbligatoria la tenuta del registro riepilogativo;

 

Tra gli altri registri IVA obbligatori abbiamo il registro dei trasferimenti intra-Ue diversi da cessioni o acquisti. Esso deve essere tenuto nel caso di trasferimenti di merci in altro Stato membro dell’Ue non traslativi di proprietà.

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Registro delle fatture emesse

Registro IVA acquisti

Il registro dei corrispettivi

Registro dei corrispettivi - soggetti obbligati

Libro inventari

Registro beni ammortizzabili

Libro giornale

Obbligo di tenuta delle scritture contabili

Conservazione delle scritture contabili

Termini di conservazione delle scritture contabili

Contabilità semplificata: registri obbligatori

Registro IVA acquisti semplificata

Registro IVA vendite semplificata

Consegna di beni a titolo non traslativo della proprietà

Registro merci in conto deposito e registro merci in conto lavorazione

Adempimenti dell'esportatore abituale

Registro degli omaggi

Registro delle movimentazioni comunitarie

Corso on line gratuito: le scritture contabili a fini civilistici e contabili


 
 

Visualizza gli altri approfondimenti

   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681