RIPARTIZIONE DEGLI UTILI DELLO STUDIO ASSOCIATO

UN ESEMPIO DI RIPARTO DELL'UTILE DI UNO STUDIO ASSOCIATO

Aggiornato al 03.12.2014

Vediamo, attraverso un esempio, come può essere effettuato, concretamente, il riparto dell’utile di uno studio associato.


Esempio:
Ipotizziamo il caso di uno studio associato formato da tre professionisti (A, B, C). I patti sociali prevedono la ripartizione dell’utile nel modo seguente:

  • metà del reddito netto viene ripartito in parti uguali tra i tre associati;
  • l’altra metà è ripartita in base al fatturato conseguito in seguito all’apporto di nuovi clienti nel corso dell’anno.

L’utile netto conseguito al termine dell’anno ammonta a 120.000 euro.

Inoltre si dispone dei seguenti dati:

  • fatturato conseguito in seguito a nuovi clienti:
    • apportati da A: 30.000
    • apportati da B: 10.000
    • apportati da C: 15.000;


Riparto dell'utile:


Riparto utili

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net