www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Contribuenti minimi e contributi previdenziali - calcolo dell'imponibile previdenziale per i contribuenti minimi

 

 

 
 
 

Approfondimento del 14.07.2010

Aggiornato al 11.02.2015

 

(Nota: Il regime dei contribuenti minimi è stato attualmente sostituito dal regime forfettario introdotto dalla Legge di Stabilità 2015).

 

Il reddito conseguito dai contribuenti minimi è determinato come differenza tra l’ammontare dei ricavi o compensi percepiti nel periodo d’imposta e quello delle spese sostenute nel periodo stesso, nell’esercizio dell’attività d’impresa o dell’arte o della professione.

Concorrono, inoltre, alla formazione del reddito le plusvalenze e le minusvalenze dei beni relativi all’impresa o all’esercizio dell’arte o professione e le eventuali sopravvenienze attive e passive.

 

Dal reddito sono deducibili i contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge, compresi quelli corrisposti dal titolare dell’impresa familiare per conto dei propri collaboratori, semprechè gli stessi risultino fiscalmente a carico del titolare. La deducibilità di tali contributi spetta anche con riferimento a quelli

versati per conto dei collaboratori dell’impresa familiare che non risultino fiscalmente a carico, a condizione che il titolare dell’impresa non abbia esercitato la rivalsa sui propri collaboratori.

 

 

(per un approfondimento delle regole di calcolo del reddito dei contribuenti minimi si veda Calcolo imposta sostitutiva contribuenti minimi).

 

Esempio:

 

Ricavi percepiti

20.000

- Costi sostenuti

- 8.000

- Contributi versati

- 5.000

Reddito soggetto ad imposta sostitutiva

7.000

 

 

Vediamo ora qual è il reddito da assoggettare ad imposizione contributiva previdenziale.

 

Con la circolare n.79 del 05/06/2009 l’Inps ha precisato che tale reddito deve essere considerato al netto delle perdite pregresse, ma al lordo dei contributi previdenziali.

 

Tornando al nostro esempio, il reddito soggetto a contributi previdenziali va così determinato:

 

Esempio:

 

Ricavi percepiti

20.000

- Costi sostenuti

- 8.000

Reddito da assoggettare ad imposizione contributiva

12.000

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Regime forfettario

Obblighi contabili regime forfettario

Regime forfettario caratteristiche

Regime forfettario: calcolo imposta sostitutiva

Regime forfettario e operazioni con l'estero

Regime forfettario: regime contributivo

Soggetti ammessi al regime dei contribuenti minimi

Caratteristiche del regime dei contribuenti minimi

Calcolo dell'imposta sostitutiva nel regime dei contribuenti minimi

Contribuenti minimi: ulteriori chiarimenti

Contribuenti minimi e regimi speciali

Contribuenti minimi: altri requisiti per l'accesso al regime

Contribuenti minimi e beni strumentali

Contribuenti minimi e entrate nel regime

Contribuenti minimi e irap

Contribuenti minimi e deducibilità delle spese

Altri chiarimenti sul regime dei contribuenti minimi

Contribuenti minimi - cosa cambia dal 2012

Regime fiscale di vantaggio per l'imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità


 
 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681