Vai alla home page Scrivici una e-mail Chi sono Collabora col sito
       
Ricerca personalizzata

 

Iscriviti alla newsletter


Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque argomento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookies.

 

Visualizza i nostri approfondimenti  
Accedi ai nostri corsi gratuiti  
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping  

 

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 
   
www.SchedeDiGeografia.net  
 
 
www.StoriaFacile.net  
 
 
www.LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
Utilità  
   
 

 

 
 
 
 
 
 

 
 

 

 

   

 

Gli altri approfondimenti:


 

Approfondimenti

 
   
  Spese di trasporto - Il trattamento ai fini IVA

 

 

 
 
 

Approfondimento del 30.07.2007

 

In un contratto di compravendita il trasporto delle merci può avvenire ad opera dello stesso compratore, del venditore o di un terzo.

 

Vediamo come queste tre diverse ipotesi si ripercuotono sul calcolo della base imponibile IVA da determinare in fattura.

 

 

Se il trasporto delle merci è effettuato dal compratore, sarà quest’ ultimo a sopportarne il costo. Dunque esso non inciderà sul calcolo della base imponibile che appare in fattura e che è costituita dal prezzo delle merci, salvo la necessità di tenere conto di altri elementi utili al suo calcolo.

 

Se il trasporto delle merci è effettuato dal venditore si possono verificare due ipotesi:

 

  • il venditore effettua tale prestazione gratuitamente. In questo caso, in genere, egli ne tiene conto nella determinazione del prezzo di vendita delle merci. Le prestazioni gratuite di servizi effettuate da imprenditori sono imponibili se hanno valore unitario superiore a 25,82 euro.

 

  • il venditore effettua tale prestazione dietro pagamento di un corrispettivo. Tale corrispettivo deve essere esposto in fattura e  concorre alla formazione della base imponibile IVA. In questo caso ci troviamo di fronte ad una prestazione accessoria rispetto a quella principale, ovvero la cessione dei beni, con la conseguenza che si applicano le disposizioni previste dall’art.12 del DPR 633/72. Ovvero tali prestazioni non sono soggette all’imposta in modo autonomo. Ad esse, quindi, si applica lo stesso trattamento previsto per la merce: per tanto, se la cessione dei beni è soggetta ad IVA, lo sarà anche il trasporto al quale si applica la stessa aliquota prevista per le merci.

Nel caso in cui la cessione riguarda beni soggetti a diverse aliquote IVA, le spese di trasporto devono essere ripartite in proporzione al valore delle singole merci e ciascuna parte proporzionale di spesa è soggetta ad una distinta aliquota IVA.

 

Esempio: la prestazione principale è costituita dalla cessione di 10.000 euro di merci soggette ad aliquota del 20% e dalla cessione di 5.000 euro di merci soggette ad aliquota del 10%. Le spese di trasporto ammontano a 12000 euro.

Ecco come occorre ripartirle:

 

Cessione di beni

Incidenza sul totale della cessione

Aliquota

Spese di trasporto proporzionali

IVA

10.000

10.000/15.000 = 2/3

20%

1.200 x 2/3 = 800

10.800 x 20% = 2.160

5.000

5.000/15.000 = 1/3

10%

1.200 x 1/3 = 400

5.400 x 10% = 540

15.000

3/3

 

1.200

2.700

 

 

 

Infine se il trasporto è effettuato da un terzo occorre  stabilire se la relativa spesa può rientrare nel novero delle spese documentate o meno.

Vediamo quali ipotesi si possono avere.

  • Le spese di trasporto sono a carico del compratore. Il corriere emette fattura nei suoi confronti. Il compratore paga le spese di trasporto e la relativa IVA.

 

  • Le spese di trasporto sono a carico del venditore. Il corriere emette fattura nei suoi confronti. Il venditore paga le spese di trasporto e la relativa IVA, ovviamente di tale onere potrà tenere conto della fissazione del prezzo delle merci.

 

  • E’ possibile anche il venditore paghi le spese di trasporto, ma esclusivamente andando ad anticipare tali somme per conto del compratore. In questo caso ci troviamo di fronte a quelle che sono denominate spese documentate, cioè si tratta di somme che il fornitore anticipa per conto del cliente e che risultano opportunamente documentate dalla fattura emessa dal corriere. Il venditore, nell’emettere la fattura, dovrà tenere conto delle spese di trasporto anticipate. Esse, tuttavia, non sono soggette ad IVA in quanto l’art.15 include tra le operazioni escluse dalla base imponibile il rimborso delle anticipazioni fatte in nome e per conto della controparte, purché regolarmente documentate. 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Spese di trasporto

Spese accessorie in fattura

Spese non documentate

Spese anticipate per conto dei clienti

Rimborsi spese anticipate per conto del cliente


 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 01685640680

___

Siti amici