Vai alla home page Scrivici una e-mail Chi sono Collabora col sito
       
Ricerca personalizzata

 

Iscriviti alla newsletter


Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque argomento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookies.

 

Visualizza i nostri approfondimenti  
Accedi ai nostri corsi gratuiti  
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping  

 

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 
   
www.SchedeDiGeografia.net  
 
 
www.StoriaFacile.net  
 
 
www.LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
Utilità  
   
 

 

 
 
 
 
 
 

 
 

 

 

   

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  I mutui passivi nel bilancio d'esercizio - i riflessi di un'operazione di mutuo passivo sullo Stato patrimoniale e sul Conto economico dell'impresa

 

 

 
 
 
Approfondimento del 19.01.2011

 

La presenza di un mutuo passivo quale forma di finanziamento dell’impresa si riflette sullo stato patrimoniale e sul conto economico redatto al termine dell’esercizio. Vediamo in che modo.

 

Nello Stato patrimoniale troveremo, nella sezione destinata ad accogliere le PASSIVITA’, l’importo del mutuo passivo che deve ancora essere rimborsato alla banca. Esso sarà evidenziato alla categoria Debiti (D), voce Debiti verso le banche (4).

 

Normalmente il pagamento degli interessi viene effettuato semestralmente in via posticipata, questo dà luogo al sorgere di un rateo passivo, che dovrà essere inserito tra le PASSIVITA’ nella categoria ratei e risconti (E).

 

Qualora si provveda alla capitalizzazione delle spese di istruttoria e delle spese accessorie esse andranno evidenziate nello Stato patrimoniale nell’ATTIVO, nella categoria Immobilizzazioni immateriali (B.I) alla voce Altre immobilizzazioni immateriali (7).

 

Nel conto economico compariranno gli interessi passivi di competenza del periodo da indicarsi nella macro-categoria Proventi e oneri finanziari (E), alla voce Interessi e oneri finanziari (17).

In questa voce dovranno essere rilevati anche eventuali oneri bancari addebitati all’azienda sulle varie operazioni compiute.

 

Se le spese di istruttoria sono state capitalizzate esse andranno ammortizzate annualmente: tale ammortamento dovrà essere indicato nel Conto economico tra i Costi della produzione (B) alla voce Ammortamenti e svalutazioni (10) – ammortamento delle immobilizzazioni immateriali (a).

 

Ricapitolando si avrà:

 

STATO PATRIMONIALE

ATTIVITA’

PASSIVITA’

B – Immobilizzazioni

  B – I – Immobilizzazioni immateriali

    7) Altre immobilizzazioni immateriali (Oneri pluriennali su mutui)

 

D – Debiti

  4) Debiti verso banche (Mutui passivi)

 

E – Ratei e risconti (Rateo passivo su mutuo)

 

 

 

CONTO ECONOMICO

B – Costi della produzione

  10) ammortamenti e svalutazioni

    a) ammortamento immobilizzazioni immateriali (Ammortamento oneri pluriennali su mutui)

 

C – Proventi e oneri finanziari

  17) interessi e oneri finanziari (interessi passivi su mutui – oneri bancari)

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Conto economico: costi e ricavi da inserire

Il bilancio d'esercizio

Documenti che compongono il bilancio d'esercizio

Bilancio d'esercizio e scritture di chiusura

I mutui passivi

Il capitale permanente

Come si finanzia un'impresa

Passività consolidate

Il contratto di mutuo

Mutui passivi: classificazione

Mutui passivi: scritture in partita doppia

I mutui passivi secondo i principi contabili nazionali

Spese di istruttoria mutuo passivo

Ammortamento spese di istruttoria mutuo

Deducibilità dei costi per l'istruttoria di un finanziamento


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 01685640680

___

Siti amici