www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Il contenuto del registro delle fatture emesse - cosa occorre indicare nel registro delle fatture emesse 

 

 

 
 
 

Approfondimento del 30.09.2010

 

Nel registro delle fatture emesse, per ogni fattura emessa occorre indicare:

 

  • data di emissione;  

  • numero progressivo di emissione;  

  • dati identificativi del cliente: ditta, ragione o denominazione sociale per le società, nome e cognome in caso di privati;  

  • imponibile distinto per aliquota;  

  • IVA distinta per aliquota. Nel caso di operazioni non imponibili o esenti, anziché l’IVA va indicato l’articolo di legge in base al quale non si applica l’imposta.

 

 

L’art.6 del DPR 695/96 prevede la possibilità per le fatture emesse nel corso del mese, di importo inferiore a 154,94 euro di registrare, con riferimento a tale mese, anziché le singole fatture un unico documento riepilogativo il quale deve contenere:

 

  • i numeri delle singole fatture;  

  • l’imponibile complessivo distinto per aliquote;  

  • l’IVA complessiva distinta per aliquote.

 

 

Nel registro delle fatture emesse, oltre alle fatture emesse immediate e differite, vanno annotati i seguenti documenti:

 

 

  • le note debito. Le rettifiche IVA in aumento vengono normalmente annotate nel registro delle fatture emesse anche se possono essere rilevate anche nel registro degli acquisti con segno negativo;  

  • le note credito. Le rettifiche IVA in diminuzione sono di norma registrate sul registro degli acquisti, ma è possibile registrarle nel registro delle fatture emesse con segno negativo;  

  • le fatture d’acquisto intracomunitarie che devono essere numerate ed integrate dal soggetto che le riceve e devono essere registrate sia nel registro delle fatture di acquisto che nel registro delle fatture emesse;  

  • le autofatture per acquisti da non residenti, cioè le autofatture relative ad acquisti di beni e servizi da soggetti non residenti, che non hanno in Italia una stabile organizzazione o un rappresentante. I documenti in esame devono essere registrati sia nel registro delle fatture emesse che nel registro delle fatture d’acquisto;  

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Registri IVA

Autofattura per autoconsumo

Se la fattura è errata

Fattura integrativa

Dati da indicare in fattura

Registro delle fatture emesse

Tenuta del registro IVA vendite

Registro IVA vendite - tabella di sintesi

Registro IVA vendite semplificata


 
 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681