www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Sanzioni in materia di dichiarazioni - le sanzioni previste in caso di omessa, infedele, incompleta e ritardata dichiarazione dei redditi

 

 

 
 
 
Approfondimento del 05.09.2016

 

Nella tabella sottostante riportiamo le sanzioni previste dal D.Lgs.471/1997 in materia di violazioni relative:
  • alla dichiarazione delle imposte sui redditi;
  • alla dichiarazione IRAP

 

Le sanzioni sotto indicate sono quelle in vigore a partire dal 01/01/2016.

Violazione Sanzione

 

Omessa presentazione della dichiarazione nel caso in cui sono dovute imposte Dal 120% al 240% dell'ammontare dell'imposta dovuta

- con un minimo di 250 €

Se la violazione riguarda redditi prodotti all'estero le sanzioni sono aumentate di 1/3 con riferimento alle imposte o maggiori imposte relative a tali redditi

 

Omessa presentazione della dichiarazione nel caso in cui non sono dovute imposte

 

Da 250 € a 1.000

La sanzione può essere aumentata fino al doppio nei confronti dei soggetti che hanno l'obbligo di tenuta delle scritture contabili

 

Dichiarazione presentata in ritardo, ma entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo d'imposta successivo e, comunque, prima dell'inizio di qualunque attività amministrativa di accertamento di cui il contribuente abbia avuto formale conoscenza, nel caso in cui sono dovute imposte

 

Dal 60% al 120% dell'ammontare delle imposte dovute

- con un minimo di 200 €

Se la violazione riguarda redditi prodotti all'estero le sanzioni sono aumentate di 1/3 con riferimento alle imposte o maggiori imposte relative a tali redditi

 

Dichiarazione presentata in ritardo, ma entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo d'imposta successivo e, comunque, prima dell'inizio di qualunque attività amministrativa di accertamento di cui il contribuente abbia avuto formale conoscenza, nel caso in cui non sono dovute imposte

 

Da 150 € a 500

La sanzione può essere aumentata fino al doppio nei confronti dei soggetti che hanno l'obbligo di tenuta delle scritture contabili

Dichiarazione nella quale sono indicati:
  • un reddito o un valore della produzione imponibile inferiore a quanto accertato
  • un'imposta inferiore a quella dovuta
  • un credito superiore a quello spettante
  • indebite detrazioni di imposta
  • indebite deduzioni dell'imponibile

 

Dal 90% al 180% della maggiore imposta dovuta o della differenza del credito utilizzato

La sanzione è aumentata della metà quando la violazione è realizzata mediante l'utilizzo di documentazione falsa o per operazioni inesistenti, mediante artifici o raggiri, condotte simulatorie o fraudolente

La sanzione è ridotta di 1/3 quando la maggiore imposta o il minor credito accertati sono complessivamente inferiori al 300% dell'imposta e del credito dichiarati e comunque complessivamente inferiori a 30.000 €. La medesima riduzione si applica quando l'infedeltà è conseguenza di un errore sull'imputazione temporale di elementi positivi o negativi di reddito, purché il componente positivo abbia già concorso alla determinazione del reddito nell'annualità in cui interviene l'attività di accertamento o in precedenza. 

Se non vi è alcun danno per l'erario la sanzione è pari a 250

Se la violazione riguarda redditi prodotti all'estero le sanzioni sono aumentate di 1/3 con riferimento alle imposte o maggiori imposte relative a tali redditi

La sanzione non si applica nel caso di rettifica del valore normale dei prezzi di trasferimento praticati nell'ambito di operazioni infragruppo con società non residente se nel corso dell'accesso, ispezione o verifica il contribuente consegni all'Amministrazione finanziaria la documentazione idonea a consentire il riscontro della conformità al valore normale dei prezzi di trasferimento praticati

 

  • Mancata indicazione del canone derivante dalla locazione di immobili ad uso abitativo
  • Indicazione di un canone inferiore a quello effettivo derivante dalla locazione di immobili ad uso abitativo

nei casi di cedolare secca sugli affitti

 

Le sanzioni applicate per omessa, tardiva o infedele presentazione della dichiarazione sono raddoppiate

 

 

 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Ravvedimento operoso: sostituti d'imposta

Ravvedimento operoso 2015

Ravvedimento operoso tabella

Ravvedimento sprint

Sanzioni applicabili ai sostituti di imposta

Calcolo interessi ravvedimento operoso

Omesso versamento di imposte

Ravvedimento operoso 2011

Ravvedimento operoso: nuove misure sanzioni

Ravvedimento operoso: mancata presentazione modello F24 con saldo zero

Ravvedimento operoso: modelli intrastat

Ravvedimento operoso - IVA

Ravvedimento operoso - ICI

Ravvedimento operoso: imposta di registro

Ravvedimento operoso: tassa di vidimazione libri sociali

Ravvedimento operoso: arrotondamento sanzioni

Ravvedimento operoso splafonamento IVA

Interessi legali: dal 1942 ad oggi


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681