Vai alla home page Scrivici una e-mail Chi sono Collabora col sito
       
Ricerca personalizzata

 

Iscriviti alla newsletter


 

Visualizza i nostri approfondimenti  
Accedi ai nostri corsi gratuiti  
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping  

 

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 
Siti partner:  

 
   
www.SchedeDiGeografia.net  
 
 
www.StoriaFacile.net - Per studiare la storia con facilità  
 
 
Utilità  
   
 

 

 
 
 
 
 
 

 
 

 

 

   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Imposte sul reddito: scritture contabili - le scritture contabili necessarie per rilevare le imposte sul reddito di un'impresa individuale

 

 

 
 
 
Approfondimento del 01.03.2011

 

 

 

L’impresa individuale versa, come unica imposta sul reddito, l’IRAP.

 

L’IRPEF invece, è dovuta dall’imprenditore individuale che determina l’imposta a debito sommando tutti i suoi redditi incluso il reddito d’impresa.

 

Tuttavia può accadere che l’imprenditore individuale versi l’IRPEF con somme prelevate dal c/c dell’impresa. In questo caso la scrittura da comporre è la seguente:

 

Titolare c/prelevamenti

a

Banca c/c

 

10.000

 

 

 

 

 

 

 

Al posto del conto Titolare c/prelevamenti  possono essere usati i conti Proprietario c/prelevamenti o Spese extragestione.

 

Il conto Titolare c/prelevamenti è un conto acceso al capitale netto. Esso accoglie i prelevamenti effettuati dal titolare per esigenze extra-aziendali che riducono l’entità del capitale netto.

 

Vediamo, ora, attraverso un esempio, come rilevare il versamento dell’acconto IRAP.

 

Esempio:

l’impresa individuale Rossi Mario versa nel mese di giugno la prima rata di acconto IRAP pari a 3.960 euro e a novembre la seconda rata di acconto IRAP pari a 5.940 euro, entrambe con addebito sul conto corrente bancario.

 

La prima rata di acconto IRAP sarà rilevata con la seguente scrittura:

 

 

Erario c/acconto IRAP

a

Banca c/c

 

3.960

 

 

 

 

 

 

 

In modo analogo si procede a registrare il versamento della seconda rata di acconto IRAP:

 

 

Erario c/acconto IRAP

a

Banca c/c

 

5.940

 

 

 

 

 

 

 

Al 31/12 è necessario rilevare le imposte di competenza dell’esercizio.

Ora si potranno verificare tre ipotesi diverse:

 

  • le imposte di competenza dell’esercizio sono maggiori rispetto agli acconti versati nel corso dell’anno.

 

Esempio:

si rilevano imposte di competenza dell’esercizio per un importo di 10.000 euro.

 

La scrittura che andiamo a rilevare è la seguente:

 

 

IRAP dell’esercizio

a

Diversi

 

10.000

 

a

Erario c/acconto IRAP

9.900

 

 

a

Erario c/IRAP a debito

100

 

 

 

Nell’anno successivo, quando l’imprenditore provvederà al pagamento dell’IRAP, dovrà registrare:

 

 

Erario c/IRAP a debito

a

Banca c/c

 

100

 

 

 

 

 

 

 

  • le imposte di competenza dell’esercizio sono inferiori rispetto agli acconti versati nel corso dell’anno.

 

Esempio:

si rilevano imposte di competenza dell’esercizio per un importo di 9.000 euro.

 

La scrittura che andiamo a rilevare è la seguente:

 

 

Diversi

a

Erario c/acconto IRAP

 

9.900

IRAP dell’esercizio

 

 

9.000

 

Erario c/IRAP a credito

 

 

900

 

 

 

Nell’anno successivo, l’imprenditore non dovrà provvede al pagamento dell’IRAP. Potrà utilizzare, però, il credito vantato in compensazione di altre imposte dovute.

 

Esempio:

l’imprenditore ha un debito IVA di 2.000 euro. Compensa, in parte, tale debito col credito IRAP di 900 euro e versa la differenza con addebito in conto corrente bancario.

 

 

Erario c/IVA

a

Diversi

 

2.000

 

a

Erario c/IRAP a credito

900

 

 

a

Banca c/c

1.100

 

 

 

  • le imposte di competenza dell’esercizio sono uguali rispetto agli acconti versati nel corso dell’anno.

 

Esempio:

si rilevano imposte di competenza dell’esercizio per un importo di 9.900 euro.

 

La scrittura che andiamo a rilevare è la seguente:

 

 

IRAP dell’esercizio

a

Erario c/acconto IRAP

 

9.900

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Corso on line gratuito: l'IRAP

Compensazione tributaria - scritture contabili

Compensazione debiti e crediti tributari

Limiti alla compensazione tributaria

Compensazione crediti IVA

Compensazione contributi

La compensazione tributaria - come effettuarla

Compensazioni imposte - quadro riassuntivo

Le imposte sul reddito d'esercizio

Acconto e saldo IRPEF

Acconto e saldo IRES

Acconto e saldo IRAP

Calcolo e versamento imposte sul reddito

Scritture contabili: registrazioni imposte sul reddito

Imposte sul reddito: scritture in partita doppia

Imposte sul reddito dell'esercizio

Imposte sul reddito: i conti da utilizzare in bilancio

Versamento IRES e IRAP con maggiorazione 0,40%

Rateizzazione imposte

Fondo imposte


   

Visualizza gli altri approfondimenti 

 
 
 

Problemi con la matematica?


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 01685640680

___

Siti amici