COME SI CALCOLA L'IRAP DOVUTA

IL CALCOLO DELL'IRAP DA VERSARE

Aggiornato al 20.03.2017

L’IRAP si determina calcolando la base imponibile e decurandola di una serie di deduzioni. Il valore così determinato rappresenta il valore della produzione netta sul quale si applica l’aliquota fissata dalla regione.

Trattandosi di un’imposta regionale, se l’impresa esercita l’attività in più regioni, occorre determinare l’imposta spettante a ciascuna regione tenendo conto del valore della produzione netta derivante dall’attività esercitata nel territorio di ciascuna regione.

In questi casi si considera prodotto nel territorio di ciascuna regione il valore della produzione netta proporzionalmente corrispondente all’ammontare delle retribuzioni spettanti al personale addetto, con continuità, a stabilimenti, cantieri, uffici o basi fisse, operanti per un periodo di tempo non inferiore a tre mesi nel territorio di ciascuna regione.

Nel calcolo si deve tenere conto del personale a qualunque titolo utilizzato, compresi i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, i compensi ai collaboratori coordinati e continuativi e gli utili agli associati in partecipazione con apporto di solo lavoro.

L’aliquota IRAP ordinaria è attualmente del 3,9 %.

Tuttavia le le regioni possono esercitare la facoltà di ridurre tale aliquota in qualsiasi misura fino ad azzerarla completamente o di maggiorare l’aliquota fino ad un massimo di 0,92 punti percentuali.

Le regioni hanno inoltre la facoltà di differenziare l’aliquota tra categorie di contribuenti e tra settori di attività.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net