www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

 

Gli altri approfondimenti:

I software gratuiti per la fatturazione


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Dati da indicare in fattura  - quali dati devono essere presenti nella fattura 

 

 

 
 
 

Approfondimento del 14.03.2009

Aggiornato al 11.02.2013

 

La fattura deve contenere i dati identificativi dell’emittente, quelli del cliente, e quelli relativi all’operazione compiuta (cessione di beni o prestazione di servizi).

I dati relativi all’emittente che debbono essere indicati sulla fattura sono:

  • ditta, denominazione o ragione sociale;

  • residenza o domicilio;

  • numero di partita IVA.

Queste indicazioni sono obbligatorie in base a quanto previsto dal DPR 633/72.

La fattura deve contenere, tuttavia, anche altri dati dell’emittente richiesti da altre norme.

La fattura deve contenere anche l’indicazione del codice fiscale dell’emittente: lo prevede il D.P.R. 605 del 1973 che contiene disposizioni in materia di anagrafe tributaria.

In alcuni casi il codice fiscale e la partita IVA coincidono.

 

 

Le società di capitali (società per azioni, società a responsabilità limitata, società in accomandita per azioni) devono indicare anche il capitale sociale effettivamente versato quale risulta dall’ultimo bilancio.

Infatti, potrebbe accadere che il capitale sottoscritto dai soci al momento della costituzione della società o successivamente, non sia stato ancora versato per intero dai soci.

Le Srl con un unico socio devono indicarlo in fattura.

Anche queste sono informazioni richieste dal Codice civile.

 

Nell'ambito del territorio dello Stato possono operare anche soggetti non  residenti.

Questi possono avere in Italia, una stabile organizzazione o meno.

I soggetti non residenti con una stabile organizzazione in Italia sono equiparati a tutti gli effetti ai soggetti residenti e sono soggetti a tutti gli obblighi previsti dalla normativa IVA.

 

Se la fattura è emessa da un soggetto non residente con stabile organizzazione in Italia, essa deve contenere anche:

  • i dati del rappresentante fiscale;

  • l’ubicazione della stabile organizzazione.

 

Passiamo ora all’esame dei dati relativi al cliente che devono essere presenti in fattura.

La fattura deve contenere le seguenti indicazioni:

  • ditta, denominazione o ragione sociale;

  • residenza o domicilio;

  • numero di partita IVA se il cliente è un'impresa o un libero professionista; codice fiscale se il cliente è un privato. Se il cliente è un soggetto passivo in un altro stato membro dell'Ue occorre indicare il codice identificativo comunitario. L'indicazione della partita IVA o del codice fiscale del cliente sono richiesti in fattura per i documenti emessi dal 1° gennaio 2013.

Se il cliente è una stabile organizzazione, occorre indicare:

  • i dati del rappresentante fiscale;

  • l’ubicazione della stabile organizzazione.

 

Per ciò che concerne i dati relativi all’operazione effettuata, in fattura occorre indicare:

  • la natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi che formano oggetto dell'operazione;

  • i corrispettivi e gli altri dati necessari per la determinazione della base imponibile.

 

Inoltre la fattura deve contenere l’indicazione della:

  • data di emissione e del numero della fattura. A partire dal 1 gennaio 2013 la norma richiede che la fattura riporti un numero progressivo che identifichi il documento in modo univoco;

  • corrispettivi ed altri dati necessari per la determinazione della

  • base imponibile

  • valore normale dei beni ceduti a titolo di sconto, premio, abbuono

  • aliquota;

  • ammontare dell'imposta;

  • ammontare dell'imponibile.

Se l'operazione o le operazioni cui si riferisce la fattura comprendono

beni o servizi soggetti all'imposta con aliquote diverse, devono essere indicati distintamente secondo l'aliquota applicabile:

  • natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell'operazione;

  • corrispettivi ed altri dati necessari per la determinazione della base imponibile;

  • aliquota, ammontare dell'imposta e dell'imponibile.

 

Va precisato che, per legge, si considera fattura il documento che contiene tutti i requisiti previsti per tale tipo di documento. Mentre non ha importanza il nome attribuito al documento che può presentarsi anche sotto il nome di nota, conto, parcella e simili. Quindi se il documento non reca la denominazione fattura, ma contiene tutti i dati previsti per essa, per legge il documento è comunque una fattura.

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Fatturazione

La fattura

Fattura cartacea e fattura elettronica

Fattura in lingua straniera

Fatture a mezzo fax

Fattura integrativa

Autofattura per autoconsumo 

Fattura emessa da un terzo

Emissione della fattura

Emissione e registrazione della fattura di vendita

DdT ovvero documento di trasporto


 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681