www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 
 
   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Addizionali IRPEF - come vanno calcolate in busta paga l’addizionale regionale e l’addizionale comunale all’IRPEF

 

 

 
 
 

Approfondimento del 16.05.2009

 

L’addizionale regionale IRPEF è stata istituita con D.Lgs. n. 446 del 1997 e successive modificazioni.

Ogni regione stabilisce l’aliquota da applicare che può variare dallo 0,9% all’1,4%. L’addizionale regionale è trattenuta dal datore di lavoro in un numero massimo di 11 rate (trattenute in busta paga da gennaio a novembre). In caso di cessazione del rapporto di lavoro l'importo è trattenuto in un'unica soluzione.

 

Esempio:

Imponibile IRPEF dell’anno – 23.850 euro

Aliquota applicata dalla regione: 1,4%

Addizionale regionale annua: 23.850 x 1,4% = 333,90 (eventualmente si arrotonda alle ultime due cifre decimali)

Rata mensile 333,90 : 11 = 30,35 da trattenere in busta paga da gennaio a novembre

 

 

L’addizionale comunale IRPEF è stata istituita dal D.Lgs. n.360 del 1998 e successive modificazioni. Ogni comune fisse l’aliquota da applicare. Nella determinazione delle aliquote da applicarsi si deve far riferimento al comune in cui ha il domicilio fiscale il dipendente alla data del 31 dicembre dell'anno cui si riferisce il tributo.

 

Per l’addizionale comunale è previsto il versamento di un acconto nell’anno di riferimento e di un saldo nell’anno successivo. L’acconto viene calcolato sulla base dell’aliquota relativa all’anno di riferimento se essa è stata deliberata dal Comune entro il 15 febbraio dello stesso anno o, in caso contrario, nella misura fissata per l’anno precedente.

 

L’acconto è trattenuto dal datore di lavoro in un numero massimo di 9 rate mensili trattenute in busta paga da marzo a novembre.

Il saldo è determinato al momento delle operazioni di conguaglio e il relativo importo viene trattenuto in un numero massimo di 11 rate mensili (da gennaio a novembre).

 

Esempio:

Calcolo dell’acconto  

Imponibile IRPEF dell’anno precedente – 23.850 euro

Aliquota applicata dal comune: 0,7%

Addizionale comunale annua: 23.850 x 0,7% = 166,95 (eventualmente si arrotonda alle ultime due cifre decimali)

Acconto: 166,95 x 30% = 50,08

Rata mensile 50,08 : 9 = 5,56 da trattenere in busta paga da marzo a  novembre

 

Calcolo del saldo  

Imponibile IRPEF dell’anno – 24.500 euro

Aliquota applicata dal comune: 0,7%

Addizionale comunale annua effettivamente dovuta: 24.500 x 0,7% = 171,50 (eventualmente si arrotonda alle ultime due cifre decimali)

Saldo da versare: 171,50 – 50,08 = 121,42

Rata mensile 121,42 : 11 = 11,04 da trattenere in busta paga da gennaio a  novembre

 

Sia l’addizionale regionale che quella comunale si applicano sulla stessa base imponibile dell’IRPEF. Entrambe le addizionali sono versate all’erario dal datore di lavoro per conto del lavoratore dipendente, sul quale di fatto gravano tali imposte.

 

Il datore di lavoro versa entrambe le addizionali con il modello F24.

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Liquidazione e pagamento salari e stipendi

INPS c/competenze

Oneri sociali a carico dell'azienda

Fiscalizzazione oneri sociali

Pagamento assicurazione INAIL

Trattenute sindacali

Contributi anticipati per conto del personale dipendente

Gli acquisti da parte del personale dipendente negli spacci interni

Corsi di aggiornamento del personale dipendente

Accantonamento fondo TFR

Calcolo quota accantonamento fondo TFR

TFR

Addizionale regionale IRPEF e addizionale comunale IRPEF


 

 

 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 
 
Visualizza i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 www.EconomiAziendale.net

 
www.SchedeDiGeografia.net
 
www.StoriaFacile.net
 
www.LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net

www.LeMieScienze.net

 
Utilità
 



 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681

 

Per la pubblicità su questo sito invia una mail a Amministrazione@MarchegianiOnLine.net