REGIME IVA PER CASSA

COME SI CALCOLA IL LIMITE DI UN ANNO

Aggiornato al 02.03.2010
L’IVA per cassa disciplinata dal DL 185/2008 è stata soppressa con l’introduzione dell’art.32-bis del DL 83/2012. Per le caratteristiche del nuovo regime si veda IVA per cassa 2012.

Il D.L.29/11/2008 n.185 convertito nella L.28/01/2009 n.2 ha introdotto la cosiddetta IVA per cassa. Il contribuente che applica tale regime, per una determinata operazione, considera l’IVA ad essa relativa esigibile al momento del pagamento del corrispettivo da parte del cessionario o del committente.

Tale regola presenta comunque una eccezione: se l’ incasso della fattura viene effettuato decorso un anno dal momento dell’effettuazione dell’operazione, l’IVA diventa comunque esigibile dopo tale data.

Pertanto si possono verificare due ipotesi:

  • incasso della fattura entro un anno dal momento dell’effettuazione dell’operazione. L’IVA diventa esigibile al momento dell’incasso;
  • incasso della fattura oltre un anno dal momento dell’effettuazione dell’operazione. L’IVA diventa esigibile decorso un anno dal momento dell’effettuazione dell’operazione.

Fondamentale, dunque, per la corretta applicazione della norma, è il momento di effettuazione dell’operazione.

Tale momento, in base a quanto previsto dall’art.6 del DPR 633/72, è diverso a seconda che l’operazione effettuata sia una cessione di beni immobili, di beni mobili o una prestazione di servizi.

Riportiamo tali dati in una tabella:


Momento di effettuazione dell'operazione ai fini IVA

Nel caso di fattura differita, cioè di fattura emessa entro il 15 del mese successivo a quello di consegna o spedizione con riguardo alle cessioni effettuate nel corso del mese solare precedente, la cui consegna o spedizione risulti da documento di trasporto, il termine di un anno decorre dalla data di effettuazione delle singole operazioni riepilogate nella fattura.


Esempio 1:
La ditta Rossi Aldo spedisce dei beni mobili al cliente Verdi, in data 27 febbraio 2010, con emissione di fattura immediata.
Il termine di un anno decorre dal 27 febbraio 2010. Quindi l’Iva diventa esigibile se entro il 27 febbraio 2011 la fattura non è stata incassata.



Esempio 2:
La ditta Rossi Aldo spedisce dei beni mobili al cliente Bianchi, in data 10 febbraio 2010, con emissione di documento di trasporto. La fattura differita viene emessa entro il 15 marzo 2010.
Il termine di un anno decorre dal 10 febbraio 2010. Quindi l’Iva diventa esigibile se entro il 10 febbraio 2011 la fattura non è stata incassata.



Esempio 3:
La ditta Rossi Aldo effettua varie spedizioni di merci nel mese di gennaio 2010 al cliente Bianchi. Le spedizioni sono le seguenti

  • in data 8 gennaio;
  • in data 10 gennaio;
  • in data 28 gennaio.

Per ogni spedizione viene emesso il relativo documento di trasporto.
La fattura differita, relativa alle tre spedizioni, viene emessa entro il 15 febbraio 2010.

Il termine di un anno decorre:

  • dall’8 gennaio per la prima spedizione;
  • dal 10 gennaio per la seconda spedizione;
  • dal 28 gennaio per la terza spedizione.

Il limite di un anno non si applica nel caso di cessionari o committenti assoggettati a procedure concorsuali o esecutive prima del decorso di un anno.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net