SCELTA DEL METODO DI CONSOLIDAMENTO

COME SCEGLIERE IL METODO DA IMPIEGARE NELLA REDAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO DI GRUPPO

Aggiornato al 26.11.2011

Come sappiamo nel redigere il bilancio consolidato di gruppo possono essere adottati vari metodi di consolidamento:

  • il metodo del consolidamento integrale nella teoria dell’entità;
  • il metodo del consolidamento proporzionale nella teoria della proprietà;
  • il metodo del consolidamento integrale nella teoria della capogruppo;
  • il metodo del patrimonio netto.

Ma quali di questi metodi è più opportuno scegliere?

Secondo quando previsto dal D.Lgs. 127/1991 che ha recepito la settima direttiva europea e disciplina la materia del bilancio consolidato di gruppo, la scelta dipende dal tipo di controllo.

Per le società controllate che sono incluse nell’area del consolidamento occorre impiegare il metodo del consolidamento integrale nella teoria della capogruppo.

Per le società controllate escluse dall’area del consolidamento occorre impiegare il metodo del patrimonio netto.

Per le società a controllo congiunto occorre impiegare il metodo del consolidamento proporzionale nella teoria della proprietà.

Le società a controllo congiunto sono società nelle quali il controllo sull’attività economica è suddiviso tra più parti.

Secondo lo IAS 24 il controllo congiunto è la condizione, stabilita contrattualmente, del controllo su un’attività economica, ed esiste unicamente quando per le decisioni finanziarie e gestionali strategiche relative all’attività è richiesto il consenso unanime di tutte le parti che condividono il controllo.

Per le società collegate occorre impiegare il metodo del patrimonio netto.

Ricordiamo che, secondo quando stabilito dall’art.2359 del Codice civile, si parla di società collegate nel caso in cui una società esercita un’ influenza notevole su un’altra.

L’influenza notevole si presume per legge quando può essere esercitato:

  • almeno 1/5 dei voti nell’ assemblea ordinaria;
  • almeno 1/10 dei voti nell’ assemblea ordinaria se la società è quotata.

Per le società controllate con attività diversa, escluse dall’area di consolidamento, si applica il metodo del patrimonio netto.

Per le società in liquidazione va effettuata una valutazione al costo.

Per le società soggette ad altre procedure concorsuali che non comportano la liquidazione vi è la possibilità di esclusione dal consolidamento con conseguente valutazione al costo o al patrimonio netto.

Per le società irrilevanti e per quelle per le quali è impossibile ottenere informazioni vi è la possibilità di esclusione dal consolidamento con conseguente valutazione al costo o al patrimonio netto.

Infine in caso di azioni o quote detenute per la rivendita vi è la possibilità di esclusione dal consolidamento con indicazione della partecipata tra le attività del circolante o, se la partecipazione è considerata strategica, è possibile l’iscrizione tra le attività immobilizzate.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net