www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Costi di sviluppo - esposizione in bilancio, valutazione e ammortamento

 

 

 
 
Aggiornato al 05.12.2017

 

Sovente all’interno dell’impresa si sostengono costi che hanno come scopo quello di studiare nuovi prodotti o nuovi processi produttivi o ancora realizzare dei nuovi brevetti o degli altri beni immateriali. Questi costi, denominati “Spese di ricerca e sviluppo" sono in alcuni casi capitalizzabili in quanto presentano una utilità pluriennale.

 

I costi di sviluppo sono indicati in bilancio, secondo lo schema di Stato patrimoniale previsto dall’art.2424, tra le immobilizzazioni immateriali alla voce 2).

 

L'OIC24 precisa che la voce costi di sviluppo può comprendere:

 

  • i costi per la progettazione, la costruzione e la verifica di prototipi o modelli che precedono la produzione o l'utilizzazione degli stessi;

  • i costi per la progettazione di mezzi, prove, stampi e matrici concernenti la nuova tecnologia;

  • i costi per la progettazione, la costruzione e l'attivazione di un impianto pilota che non è di dimensioni economicamente idonee per la produzione commerciale;

  • i costi per la progettazione, la costruzione e la prova di materiali, progetti, prodotti, processi, sistemi o servizi nuovi o migliorati;

 

L’art.2426 del Codice civile, punto 5, stabilisce per i costi di sviluppo delle regole analoghe a quelle previste per i costi di impianto ed ampliamento con riferimento alla possibilità di una loro capitalizzazione. Per tanto, tali costi possono essere capitalizzati solamente se:

  • essi hanno un'utilità pluriennale;

  • se esiste il consenso del collegio sindacale, sempre che vi sia la presenza di tale organo societario. 

 

La capitalizzazione, laddove sussistano tali presupposti, non rappresenta comunque un obbligo da parte dei redattori del bilancio, ma una facoltà.

 

Anche i costi di sviluppo, come quelli di impianto, sono estremamente aleatori e frutto di previsioni che risultano essere in una certa misura sempre soggettivi con la conseguenza che, per ragioni prudenziali può essere opportuno non procedere alla loro capitalizzazione. 

 

Come per i costi di impianto, quindi, si potranno verificare tre situazioni distinte:

  • il costo di sviluppo non ha utilità pluriennale. Esso devono essere portato a Conto economico come componente negativo di reddito dell’esercizio in cui è sostenuto;

  • il costo di sviluppo ha utilità pluriennale. Gli amministratori, con il consenso del collegio sindacale, nelle società dove tale organo esiste, optano per una sua capitalizzazione;

  • il costo di sviluppo ha utilità pluriennale. Gli amministratori decidono, per ragioni prudenziali, di non procedere ad una sua capitalizzazione.

 

 

Per poter procedere alla capitalizzazione di questi costi è necessario che si possa dimostrare una adeguatezza tra i costi sostenuti e i ricavi che l’impresa prevede di avere in seguito al loro sostenimento. Conseguenza di quanto detto è che tali costi non possono essere mantenuti in bilancio se non permane la loro utilità futura. 

 

Poiché la svalutazione presuppone una perdita di valore duratura derivante da gravi situazioni, difficilmente accadrà che vengano meno i motivi che hanno determinato la svalutazione stessa. Se anche tale situazione dovesse verificarsi, non sarà possibile riscrivere in bilancio le spese  precedentemente svalutate.

 

Una funzione precauzione ha la norma che prevede che, fino a quando l'ammortamento non è completato possono essere distribuiti dividendi solo se residuano riserve disponibili sufficienti a coprire l'ammontare dei costi non ammortizzati.

 

Nella Nota integrativa occorre indicare la composizione della voce “costi di sviluppo”, le ragioni della capitalizzazione e i criteri di ammortamento applicati.

 

Si ricorda inoltre che nella relazione sulla gestione (art.2428 del Codice civile) devono in ogni caso risultare le attività di ricerca e sviluppo.

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Costi di ricerca e sviluppo 2016

Costi di ricerca e sviluppo e IAS

Costi di sviluppo

Costi di ricerca e sviluppo - OIC 24

Ricerca di base

Ammortamento costi di ricerca e sviluppo

Ricerca applicata

Riserve vincolate in presenza di costi pluriennali non ammortizzati

Riserve di utili e costi pluriennali non ammortizzati

Spese relative a più esercizi


 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681