SAGGIO DI PARTECIPAZIONE E SAGGIO DI CONTROLLO

QUALI DIFFERENZE ESISTONO TRA SAGGIO DI PARTECIPAZIONE E SAGGIO DI CONTROLLO IN UN GRUPPO AZIENDALE

Aggiornato al 27.04.2010

Il saggio di partecipazione di una società in un’altra indica le risorse di proprietà della partecipata nella partecipante.

Il saggio di controllo, invece, esprime i voti che la controllante può esercitare, direttamente o indirettamente, nella controllata.

Vediamo di comprendere meglio le differenze tra questi due indici attraverso il ricorso ad un esempio.


Esempio:
La società Alfa possiede, rispettivamente, il 35 e il 40% del capitale delle società A e B.
A sua volta la società A possiede il 31% della società C, mentre la società B possiede il 20% sempre della società C.


Il saggio di partecipazione della società Alfa nella società C si ottiene nel modo seguente:


(0,35 x 0,31) + (0,40 x 0,20) = 0,1085 + 0,08 = 0,1885 x 100 = 18,85%.

L’indice che abbiamo così calcolato ci dice che la società Alfa è proprietaria del 18,85% della società C.

Passiamo ora al calcolo del saggio di controllo.

Il saggio di controllo della società Alfa nella società C si ottiene nel modo seguente:


31% + 20% = 51%.

Questo significa che la società Alfa ha la maggioranza dei voti nella società C.

Ora, mettendo insieme i due dati appena calcolati, vediamo come la società Alfa è in grado di controllare la società C (dato che ha la maggioranza dei voti in essa, 51%) pur possedendo solo una parte modesta del capitale di quest’ultima (18,85%), tutto ciò grazie al ricorso ad una serie di partecipazioni indirette.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net