SAGGIO DI CONTROLLO

IN COSA CONSISTE E COME PUO' ESSERE CALCOLATO

Aggiornato al 27.04.2010

Utilizziamo l’espressione saggio di controllo per indicare i voti che una società può esercitare nell’assemblea della controllata, sia direttamente che indirettamente.

Per comprendere meglio questo concetto cerchiamo di fare un esempio.


Esempio:
La società Alfa possiede, rispettivamente, il 51 e il 55% del capitale delle società A e B.
A sua volta la società A possiede il 31% della società C, mentre la società B possiede il 20% sempre della società C.


Il saggio di controllo della società Alfa nella società C è rappresentato dal totale dei voti che essa può esercitare, direttamente o indirettamente, nella società C, ovvero:


31% (posseduto tramite la società A) + 20% (posseduto tramite la società B) = 51%.

Nel nostro esempio, la società Alfa riesce ad avere la maggioranza dei voti esercitabili nella società C.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net