www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
 

Compenso agli amministratori professionisti - le scritture contabili da redigere nel caso in cui l’amministratore della società sia un professionista e percepisca un compenso fisso

 

 

 
 
 
Aggiornato al 01.09.2017

 

Supponiamo che l’amministratore di una società sia un dottore commercialista o un ragioniere professionista o anche che eserciti una professione oggettivamente connessa con l’attività dell’impresa.

 

Inoltre ipotizziamo che egli percepisca un compenso in misura fissa per l’attività di amministrazione.

 

L’amministratore dovrà emettere fattura nei confronti della società.

Immaginiamo che i dati riportati in fattura siano i seguenti:

 

Compenso per attività di amministrazione della società

2.500,00

+ Contributo previdenziale 2% (2.500 x 2%)

+50,00

+ IVA 22% (2.550 x 22%)

+561,00

- Ritenuta d’acconto 20% (2.500 x 20%)

- 500,00

= Importo netto da corrispondere

2.611,00

 

 

La scrittura relativa alla registrazione della fattura è la seguente:

 

Diversi

a

Debiti verso amministratori

 

3.111,00

Compensi ad amministratori

 

 

2.550,00

 

IVA su acquisti

 

 

561,00

 

 

 

 

 

 

 

 

Al momento del pagamento del compenso all’amministratore si procederà a rilevare la seguente scrittura:

 

 

Debiti verso amministratori

a

Diversi

 

3.111,00

 

a

Erario c/ritenuta lavoratori autonomi

500,00

 

 

a

Banca c/c

2.611,00

 

 

 

I compensi in misura fissa spettanti agli amministratori rappresentano un costo per la società. –In particolare si tratta di un costo sostenuto per l’acquisizione di servizi. Pertanto essi confluiranno in bilancio, alla voce B.7 (costi per servizi) del Conto economico.

 

Mentre la voce “Debiti verso amministratori”, nel caso in cui il compenso non fosse stato ancora pagato alla data di chiusura del bilancio, confluirà nello Stato patrimoniale, tra gli altri debiti (D.14).

 

L’iscrizione in bilancio dei compensi agli amministratori deve essere effettuata secondo il principio di competenza, cioè nell’esercizio in cui la prestazione è stata resa a prescindere dal suo effettivo pagamento.

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Le ritenute d'acconto in fattura

Compenso agli amministratori

Compenso amministratori: aspetti fiscali e previdenziali

Compensi amministratori in misura fissa

Partecipazione agli utili degli amministratori

Partecipazione agli utili dell'amministratore professionista

Rimborsi spese degli amministratori

Deducibilità dei compensi agli amministratori

Adempimenti INPS amministratori

Trattamento di fine mandato

Trattamento di fine mandato: scritture contabili

Indennità di fine mandato e polizza di assicurazione


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681