TRATTAMENTO DI FINE MANDATO

LE SCRITTURE CONTABILI RELATIVE AL TRATTAMENTO DI FINE MANDATO

Aggiornato al 03.05.2019

La società può accordare ai propri amministratori, altre al normale compenso, anche una retribuzione differita che viene corrisposta al termine del mandato e che prende il nome di trattamento di fine mandato (TFM).

Il trattamento di fine mandato non è previsto, né disciplinato da alcune specifica disposizione del Codice civile. Pertanto la sua attribuzione e il suo ammontare deve essere determinato nello statuto o con delibera dell’assemblea.

Contabilmente la società deve rilevare, al termine di ogni esercizio, la quota di competenza dell’esercizio stesso con la seguente scrittura:


Scrittura relativa all'accantonamento a TFM

La voce Accantonamento a fondo TFM appare in bilancio al Conto economico , alla voce Costi di Produzione, per servizi (B.7).

La voce Fondo TFM appare in bilancio nello Stato patrimoniale , alla voce Fondi per rischi ed oneri, per trattamento di quiescenza (B.1).

Al momento della liquidazione del TFM all’amministratore, occorrerà rilevare anche:

  • la ritenuta a titolo di acconto pari al 20% della somma corrisposta;
  • il contributo alla gestione separata INPS a carico dell’amministratore pari ad 1/3. Infatti, la nota dell’INPS 27/7265 del 2002, afferma che le somme relative al TFM corrisposte all’amministratore sono soggette al pagamento dei contributi alla gestione separata INPS.

La scrittura sarà la seguente:


Scrittura relativa alla liquidazione del TFM

Il pagamento della somma dovuta all’amministratore sarà registrato come segue:


Scrittura relativa al pagamento del TFM

La società, inoltre, dovrà rilevare i contributi INPS a suo carico, pari ai 2/3 dell’importo dovuto. La scrittura da redigere sarà:


Scrittura relativa ai contributi INPS a carico dell'azienda

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net