www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 
 
   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Le ritenute d'acconto in fattura - su quali somme vengono calcolate le ritenute d'acconto in fattura 

 

 

 
 
 

Approfondimento del  31.05.2011

 

Vediamo come va compilata la fattura di un professionista, soffermandoci in particolare sull’esame delle somme sulle quali deve essere calcolata la ritenuta d’acconto.

 

Innanzitutto va detto che, se la fattura viene emessa nei confronti di un privato non deve essere applicata la ritenuta d’acconto.

 

Esempio 1.

Fattura emessa nei confronti del signor Mario Rossi da un avvocato per consulenze di importo pari a 5.000 euro.

 

Fattura n…. del …….

Consulenze per……..

5.000

Netto a pagare 

5.000

 

 

In tutti gli altri casi deve essere esposta in fattura la ritenuta d’acconto.

 

Base imponibile della ritenuta.

La base imponibile sulla quale calcolare la ritenuta è data:

  • dai compensi professionali;

  • dai rimborsi spese anche a piè di lista come spese di viaggio, vitto, alloggio e da tutte le spese documentate anticipate dal professionista per conto del committente anche se non sono state sostenute nell’interesse di quest’ultimo.

 

Per quanto riguarda i contributi previdenziali ed assistenziali addebitati al cliente:

 

Esempio 2.

Fattura emessa da un lavoratore autonomo iscritto alla gestione separata INPS  nei confronti della ditta Alfa Srl per consulenze di importo pari a 5.000 euro. Contributo previdenziale gestione separata INPS addebitato al cliente 4%.

 

Fattura n…. del …….

Consulenze per……..

5.000

Contributo previdenziale 4% (5.000 x 4%)

+ 200

Imponibile IRPEF

= 5.200

- Ritenuta d’acconto (5.200 x 20%)

- 1.040

= Netto a pagare 

= 4.160

 

 

  • non concorre a formare la base imponibile per il calcolo della ritenuta d’acconto il contributo addebitato dal cliente, nella misura del 2%, da parte dei lavoratori autonomi iscritti alla cassa di previdenza e assistenza di categoria (notai, avvocati, commercialisti, psicologi, ecc..);

 

Esempio 3.

Fattura emessa da uno psicologo iscritto alla propria cassa di previdenza nei confronti della ditta Alfa Srl per consulenze di importo pari a 5.000 euro. Contributo previdenziale alla cassa di previdenza psicologi addebitato al cliente 2%.

 

Fattura n…. del …….

Consulenze per……..

5.000

Imponibile IRPEF

 5.000

Contributo previdenziale 2% (5.000 x 2%)

+100

- Ritenuta d’acconto (5.000 x 20%)

- 1.000

= Netto a pagare 

= 4.100

 

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Gestione separata INPS - rivalsa in fattura

Ritenute fiscali

Ritenute alla fonte

Ritenute alla fonte - redditi sui quali si applicano

Ritenute sui redditi di lavoro dipendente

Ritenuta d'acconto professionisti

Rimborsi spese e ritenute d'acconto

Prestazioni occasionali e ritenute d'acconto

Ritenute fiscali su redditi di lavoro autonomo

Registrazione fattura professionista


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 
 
Visualizza i nostri approfondimenti

 

Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 


 

I nostri ebook

I nostri ebook

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 


 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681

 

Per la pubblicità su questo sito invia una mail a Amministrazione@MarchegianiOnLine.net