www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 
 
   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Libro cespiti - come comportarsi nel caso di beni di importo unitario non superiore a 516,46 euro

 

 

 
 
 

Approfondimento del 27.04.2010

 

Come è noto per le immobilizzazioni materiali il cui costo unitario non supera i 516,46 euro è consentita la deduzione integrale della spesa nell’esercizio in cui essa è sostenuta.

 

Qualora si opti per tale soluzione non è necessario l’indicazione di tali beni sul libro cespiti. Tuttavia la loro annotazione è sempre possibile. In questo caso i beni in questione saranno iscritti in contabilità come immobilizzazioni materiali e saranno interamente ammortizzati nel corso dell’anno.

 

Esempio:

 

ATTREZZATURE

 

F.DO AMM.TO ATTREZZATURE

500

 

 

 

500

 

 

 

 

 

 

 

La soluzione di iscrivere tali beni nel libro cespiti può essere utile in quanto, in tal modo, essi concorrono a formare il costo complessivo ai fini del calcolo delle spese di manutenzione, riparazione e trasformazione deducibili.

Infatti le spese di manutenzione ordinarie sono, fiscalmente, deducibili nel limite del 5% del costo complessivo dei beni materiali risultanti all'inizio dell'esercizio.

   

 

Esempio:

Supponiamo che all’inizio dell’esercizio x, i beni materiali ammortizzabili ammontano a 30.000 euro.

Ipotizziamo inoltre che, nel corso dell’esercizio x-1 erano stati acquistati beni di importo unitario inferiore a 516,46 euro per 500 euro.

Supponiamo poi che nel corso dell’esercizio x abbiamo sostenuto spese di manutenzione ordinaria per 2.000 euro.

   

 

1° SITUAZIONE – I BENI DI IMPORTO UNITARIO INFERIORE A 516,46 EURO NON SONO STATI ISCRITTI NEL REGISTRO DEI BENI AMMORTIZZABILI

 

Il valore dei beni materiali ammortizzabili iscritti all’inizio dell’esercizio x ammonta a 30.000 euro.

Le spese di manutenzione ordinarie deducibili ammontano a: 30.000 x 5% = 1.500 euro.

   

 

2° SITUAZIONE – I BENI DI IMPORTO UNITARIO INFERIORE A 516,46 EURO SONO STATI ISCRITTI NEL REGISTRO DEI BENI AMMORTIZZABILI

 

Il valore dei beni materiali ammortizzabili iscritti all’inizio dell’esercizio x ammonta a 30.500 euro.

Le spese di manutenzione ordinarie deducibili ammontano a: 30.500 x 5% = 1.525 euro.

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Beni di importo inferiore a 516,46 euro- aspetti fiscali

Beni di importo inferiore a 516,46 euro- aspetti contabili

Spese di manutenzione e riparazione

Spese di manutenzione e riparazione -differenze

Registrazioni relative alle spese di manutenzioni

Spese di manutenzione

Il registro dei beni ammortizzabili- caratteristiche

Tenuta del registro beni ammortizzabili

Libro beni ammortizzabili - quadro di sintesi

Registro cespiti e spese incrementative

Registro cespiti - beni gratuitamente devolvibili

Registro beni ammortizzabili - regimi agevolati


 
 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 
 
Visualizza i nostri approfondimenti

 

Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 


 

I nostri ebook

I nostri ebook

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 


 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681

 

Per la pubblicità su questo sito invia una mail a Amministrazione@MarchegianiOnLine.net