Vai alla home page Scrivici una e-mail Chi sono Collabora col sito
       
Ricerca personalizzata

 

Iscriviti alla newsletter


Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque argomento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookies.

 

Visualizza i nostri approfondimenti  
Accedi ai nostri corsi gratuiti  
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping  

 

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 
   
www.SchedeDiGeografia.net  
 
 
www.StoriaFacile.net  
 
 
www.LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
Utilità  
   
 

 

 
 
 
 
 
 

 
 

 

 

   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Incidenza del risultato netto sul risultato operativo - cosa esprime tale indice

 

 

   
 
 
   
Approfondimento del 16.05.2009

 

 

L’incidenza del risultato netto sul risultato operativo è un indice che vede al numeratore il risultato netto conseguito dall’impresa nel corso dell’esercizio e, al denominatore, il risultato operativo globale conseguito nello stesso esercizio. Ovvero:

 

Rn/Ro

 

dove:

Rn =  risultato netto dell’esercizio

Ro = risultato operativo globale dell’esercizio

 

Il risultato netto non è altro che il reddito netto conseguito dall’impresa nel corso dell’esercizio per effetto della gestione e potrà essere un utile o una perdita.

 

Il risultato operativo globale rappresenta un risultato economico intermedio che non tiene conto di tre categorie di componenti di reddito:

  • componenti di reddito attinenti alla gestione finanziaria dell’impresa (oneri e proventi finanziari);

  • componenti di reddito attinenti alla gestione straordinaria dell’impresa (oneri e proventi straordinari);

  • imposte sul reddito.

 

Il risultato operativo globale, quindi, rappresenta il risultato economico conseguito dall’impresa per effetto:

dell’attività tipica o caratteristica svolta dall’impresa (produzione di beni, commercializzazione di prodotti, prestazione di servizi, ecc…);

degli investimenti accessori, cioè da quegli investimenti che non sono strettamente necessari per lo svolgimento dell’attività tipica dell’impresa, ma che sono realizzati per investire temporanee liquidità dell’impresa o per creare collegamenti con altre imprese, ecc.. (come investimenti in terreni e fabbricati ceduti in locazione, partecipazione in capitali di altre imprese, investimenti in titoli a reddito fisso, ecc..).

 

Vediamo, attraverso un esempio, come viene calcolato tale indice.

 

Esempio.

Il conto economico di un’impresa presenta i seguenti dati:

risultato operativo caratteristico: 350.000

proventi netti da investimenti accessori: 20.000

oneri finanziari: 90.000

proventi finanziari: 146.000

componenti straordinari di reddito positivi: 14.000

imposte sul reddito: 200.000

utile netto:  240.000

 

Il risultato operativo globale è dato da:

utile netto + imposte sul reddito – componenti straordinari di reddito positivi – proventi finanziari + oneri finanziari = 240.000 + 200.000 – 14.000 –146.000 + 90.000 = 370.000

 

Si poteva ottenere lo stesso risultato come somma tra il risultato operativo caratteristico e i proventi netti da investimenti accessori = 350.000 + 20.000 = 370.000

 

L’incidenza del risultato netto sul risultato operativo sarà:

 

Rn/ Ro = 240.000 / 370.000 = 0,648

 

L’indice esprime in modo indiretto il peso esercitato sulla redditività netta, dai componenti finanziari di reddito, dai componenti straordinari e dalle imposte sul reddito.

 

L’incidenza del risultato netto sul risultato operativo può assumere i seguenti valori:

 

zero

Se Rn = 0 cioè se il risultato netto è pari a zero

In questo caso se Ro > 0, significa che i componenti finanziari di reddito, quelli straordinari e le imposte sul reddito assorbono completamente il risultato operativo globale

 

uno

Se Rn = Ro cioè se il risultato netto e quello operativo globale si equivalgono

Ciò si verifica in due ipotesi:

  • mancano completamente i componenti finanziari di reddito, quelli straordinari e le imposte sul reddito;

  • componenti finanziari di reddito, componenti straordinari e imposte sul reddito si compensano tra loro

< zero

Se Rn < 0 cioè nel caso in cui l’esercizio si chiude in perdita, ipotizzando che Ro sia, invece, positivo

 

 

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Il capitale circolante netto

Il margine di struttura

Il margine di tesoreria

Analisi per indici


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 01685640680

___

Siti amici