www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 
 
   

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Perdite d'esercizio deducibili fiscalmente - la deducibilità delle perdite d'esercizio per le imprese soggette ad IRPEF 

 

 

 
 
 

Approfondimento del 01.09.2017

 

 

Di seguito vediamo, attraverso alcuni esempi, le regole relative alla deducibilità delle perdite d'esercizio nel caso di imprese soggette ad IRPEF.

 

A tal fine è necessario effettuare una distinzione tra:

 

 

 

 

 

 

IMPRESE IN CONTABILITA’ ORDINARIA

Per le imprese in contabilità ordinaria la perdita subita può essere portata in diminuzione solamente da redditi della stessa categoria e non dal reddito complessivo dell’imprenditore.

 

Esempio:

l'imprenditore ha un’impresa e svolge contemporaneamente un lavoro dipendente. Il suo reddito complessivo è dato dalla somma del reddito d’impresa e del reddito di lavoro dipendente. Se in un esercizio l’impresa subisce una perdita essa non può ridurre l’importo del reddito complessivo che, quindi, è dato dal solo reddito di lavoro dipendente.

 

Supponiamo:  

 

Perdita d'impresa 5.000
Reddito di lavoro dipendente 30.000
Reddito complessivo 30.000

         

 

Ipotizziamo ora il caso in cui l’imprenditore sia titolare di due imprese e di un reddito di lavoro dipendente. Ipotizziamo, inoltre, che nel corso dell’esercizio, una delle imprese abbia subito una perdita e l’altra abbia conseguito un utile.

Avremo:

 

Perdita impresa A 5.000
Utile impresa B 8.000
Reddito di lavoro dipendente 30.000
Reddito complessivo 33.000

         

 

In pratica, dall’utile dell’impresa A (8.000) si può sottrarre la perdita dell’impresa B (5.000). La differenza (3.000) si somma al reddito di lavoro dipendente in modo da calcolare il reddito complessivo.

 

 

Inoltre, la perdita può essere portata in diminuzione di eventuali redditi della stessa categoria nei successivi esercizi, ma non oltre il quinto.

 

Facciamo un esempio: il reddito complessivo dell’imprenditore è dato dal solo reddito d’impresa. In un esercizio l’impresa subisce una perdita essa può essere portata in avanti. Supponiamo:  

         

 

anno

 

x

x+1

x+2

x+3

x+4

Perdita

5.000

 

 

 

 

Perdita portata in diminuzione

 

1.000

2.000

3.000

 

Utile

 

1.000

2.000

3.000

8.000

Reddito tassato

0

0

0

0

8.000

 

 

Una deroga al limite del riporto delle perdite in cinque esercizi si ha nel caso di perdite subite da imprese di nuova costituzione per ciò che concerne per le perdite subite nei primi 3 esercizi di attività.

 

 

 

IMPRESE IN CONTABILITA’ SEMPLIFICATA

Per le imprese in contabilità semplificata la perdita subita può essere portata in diminuzione del reddito complessivo dell’imprenditore nel periodo d'imposta cui si riferisce.

 

Facciamo un esempio: l’imprenditore ha un’impresa e svolge contemporaneamente un lavoro dipendente. Il suo reddito complessivo è dato dalla somma del reddito d’impresa e del reddito di lavoro dipendente. Se in un esercizio l’impresa subisce una perdita essa può ridurre l’importo del reddito complessivo.

 

Supponiamo:   

 

 

Perdita d'impresa 5.000
Reddito di lavoro dipendente 30.000
Reddito complessivo 25.000

        

 

 
 
   
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Le perdite delle imprese

Riporto delle perdite fiscali

Compensazione perdite

Le perdite dell'esercizio

Copertura delle perdite d'esercizio

Perdita d'esercizio oltre 1/3 del capitale sociale

Ripianamento perdite

Copertura della perdita con riserve

Riduzione del capitale sociale per perdite

Rinvio della perdita al futuro


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 
 
Visualizza i nostri approfondimenti

 

Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 


 

I nostri ebook

I nostri ebook

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 


 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681

 

Per la pubblicità su questo sito invia una mail a Amministrazione@MarchegianiOnLine.net