L'AMMORTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO

COME SI AMMORTIZZANO I COSTI DI IMPIANTO SECONDO IL FISCO

Aggiornato al 15.09.2008

Sotto l’aspetto fiscale, i costi di impianto e di ampliamento , rientrano tra le altre spese relative a più esercizi disciplinate all’art.108 del TUIR comma 1. Tali spese sono deducibili nel limite della quota imputabile a ciascun esercizio.

La norma, quindi, consente di dedurre fiscalmente le spese capitalizzate secondo i criteri applicati in bilancio. Si ritiene, infatti, che l’espressione “imputabile “ debba essere intesa nel senso di ammettere la deducibilità della quota di spese di impianto ed ampliamento effettivamente imputata a Conto economico in base ai principi contabili.

Si rammenta che, per le imprese di nuova costituzione tali oneri sono deducibili solamente a partire dall’esercizio in cui sono conseguiti i primi ricavi.

Il differimento ammesso fiscalmente rappresenta una deroga al principio di competenza: essa trova una giustificazione nel fatto che i primi esercizi di vita di un’impresa spesso chiudono in perdita e, dunque, tali spese non potrebbero essere ammortizzate attraverso la loro contrapposizione ai ricavi.

Fiscalmente rientrano tra le spese relative a più esercizi quelle di messa in opera dei vigneti (C.M. 98 del 17/05/2000).

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net