FINANZIAMENTI DEI SOCI

LE SCRITTURE CONTABILI NELLE IMPRESE CHE REDIGONO IL BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA

Aggiornato al 01.09.2017

Vediamo, attraverso un esempio, quali sono le scritture contabili da redigere in casi di finanziamenti effettuati da uno dei soci a favore della società quando quest’ultima redige il bilancio in forma abbreviata e che, pertanto, valuta il debito nei confronti del socio al presunto valore di realizzo.

Si ricorda, a tale proposito, che le imprese che redigono il bilancio ordinario devono valutare il debito al costo ammortizzato tenuto conto del fattore temporale.


Esempio:
la società Rossi & C. snc riceve dal socio Bianchi un finanziamento di 100.000 euro sul quale sarà corrisposto un interesse annuo del 5%.



Al momento della concessione del finanziamento da parte del socio si registra:


Scrittura relativa all'ottenimento di un finanziamento da parte del socio


Al momento del pagamento dell’interesse, essendo il socio Bianchi una persona fisica si dovrà applicare la ritenuta d’acconto del 12,50%. Supponiamo che l’interesse sia pagato con assegno bancario. La scrittura sarà:


Scrittura relativa al pagamento dell'interesse


Al momento del versamento della ritenuta d’acconto si registrerà:


Scrittura relativa al versamento della ritenuta


Al momento del rimborso del prestito al socio avremo:


Scrittura relativa al rimborso del prestito

Bisogna tenere conto che se, gli interessi sono pagati posticipatamente o anticipatamente e la loro competenza dovesse essere a cavallo di due esercizi, può sorgere la necessità di rilevare alla fine dell’anno un rateo passivo o un risconto attivo.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net