www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Base imponibile IVA e autoconsumo - il calcolo della base imponibile IVA nell’ipotesi di autoconsumo

 

 

 
 
 

Approfondimento del 07.06.2010

 

Nelle ipotesi nelle quali l’autoconsumo rappresenta una operazione assimilata alla cessione di beni o alla prestazione di servizi esso è soggetto ad Iva.

 

Vediamo, allora, come va calcolata la base imponibile dell’operazione.

 

Secondo quanto prevede l’art.13 del DPR 633/72 la base imponibile in caso di autoconsumo va determinata secondo due criteri distinti a seconda che si tratti di autoconsumo di beni o di servizi.

 

Nell’ipotesi di autoconsumo di beni la base imponibile è rappresentata dal prezzo di acquisto dei beni determinati nel momento dell’effettuazione dell’autoconsumo.

Come criterio ad esso subordinato, in mancanza di tale valore, si può far riferimento al prezzo di costo dei beni o di beni simili determinati sempre al momento dell’effettuazione dell’autoconsumo.

 

Nel caso di autoconsumo di servizi la base imponibile è rappresentata dalle spese sostenute dal soggetto passivo per l’esecuzione delle prestazioni stesse.

 

Quindi la base imponibile, nella generalità dei casi, è rappresentata:

  • dal prezzo di acquisto del bene al momento dell’effettuazione dell’autoconsumo;

  • dalle spese sostenute per l’esecuzione della prestazione autoconsumata.

 

Soffermiamoci sulla determinazione della base imponibile IVA nel caso di autoconsumo di beni.

 

La norma parla di prezzo di acquisto del bene al momento dell’effettuazione dell’autoconsumo il che fa ritenere applicabile una sorta di costo di acquisto attualizzato al momento dell’autoconsumo.

 

 

Esempio 1:

Un commerciante di abbigliamento preleva dal magazzino un cappotto per autoconsumo.

Il cappotto è stato acquistato al prezzo di 100 euro + IVA 20%.

Si può ritenere che il prezzo di acquisto rappresenti anche il costo attualizzato al momento dell’autoconsumo per cui la base imponibile dell’autofattura può essere considerata 100 euro.

 

 

Esempio 2:

Un imprenditore decide di sostituire 4 pc dell’ufficio acquistati 5 anni prima con altri nuovi. Inoltre decide di vendere 3 dei pc sostituiti e di tenere uno per sé. Quest’ultimo computer dovrà essere autofatturato.

Supponiamo che i pc siano stati acquistati al prezzo di 1.500 euro + IVA.

Il prezzo di acquisto potrebbe non rappresentare il costo di acquisto attualizzato se si tratta di prodotti obsoleti.

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Autoconsumo -registrazioni in partita doppia

Autofattura per autoconsumo

Autoconsumo e IVA

Autoconsumo di merci e imposte sul reddito

Autoconsumo beni strumentali - TUIR

Autoconsumo beni strumentali - aspetti contabili

Autoconsumo - tabella riepilogativa

Beni destinati a finalità estranee all'impresa

Prestazioni gratuite di servizi


 

 

 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681