www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Fattura emessa per buoni pasto - il corretto comportamento fiscale dell'esercente che somministra il pasto

 

 

 
 
 
Aggiornato al 01.09.2017

 

Vediamo qual è la corretta procedura che deve seguire l'esercente che somministra un pasto (bar, rosticceria, tavola calda, ecc..) ad un soggetto che effettua il pagamento mediante buoni pasto.

Ovviamente la stessa procedura andrà seguita nel caso dal dettagliante, qualora il ticket restaurant sia usato per pagare l'acquisto di generi alimentari.

L'esercente:

  • al momento in cui fornisce il pasto:

     

    • ritira il buono pasto;

     

    • emette scontrino fiscale con la dicitura "corrispettivo non pagato" (CM 97/1997);

     

    • annota i corrispettivi non riscossi in un'apposita colonna del registro dei corrispettivi con aliquota 10% ed intestazione "Fatture differite IVA".  Tali corrispettivi non riscossi non vanno sommati ai corrispettivi del giorno, dato che per essi verrà emessa fattura nei confronti della società che ha emesso i buoni pasto. Essi non entrano nella liquidazione IVA del periodo (mese o trimestre);

     

     

  • periodicamente (in genere a fine mese):

     

    • emette fattura nei confronti della società emittente i buoni pasto. La fattura deve contenere il riepilogo del numero di emissione degli scontrini, la loro data e il relativo importo;

L'importo da fatturare è dato dal valore dei buoni pasto dedotto lo sconto riconosciuto quale corrispettivo del servizio. Dal valore così ottenuto occorre scorporare l'IVA (CM 49/1996).

L'IVA da applicare in fattura è pari al 10%.

 

 

Esempio:

un  bar, nel corso del mese, ha ricevuto in pagamento dai clienti 50 buoni pasto del valore facciale di 5 euro l'uno.

Lo sconto convenuto con la società emittente i buoni pasto è pari al 10%.

La fattura da emettere riporterà i seguenti dati:

importo dei buoni pasto: 50 x 5 € = 250 €

sconto: 250 x 10% = 25 €

importo al netto dello sconto: 250 € - 25 € = 225 €

base imponibile: (225 x 100)/ 110 = 204,55

IVA: 204,55 x 10% = 20,46

totale fattura: 204,55 + 20,46 = 225,01.

 

L'IVA applicata in fattura dovrà essere considerata nella liquidazione IVA del periodo.

 
 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Buoni pasto

Buoni pasto normativa fiscale

Buoni pasto - scritture contabili datore di lavoro

Buoni pasto - le scritture contabili dell'esercente che somministra il pasto

Buoni acquisto o buoni regalo

Scorporo dell'IVA


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681