ACQUISTI INTRACEE

RIEPILOGO DELLA NORMATIVA IVA RELATIVA AGLI ACQUISTI INTRACEE

Aggiornato al 23.11.2012

Di seguito sintetizziamo le principali regole relative alla normativa IVA degli acquisti intracee.

Ricordiamo che le operazioni intracomunitarie sono disciplinate dal DL 331 del 1993.


REGOLA GENERALE

Gli acquisti intracomuntari sono assoggettati ad IVA nel paese di destinazione.


NOZIONE DI ACQUISTO INTRACOMUNITARIO

(art.38 DL 331/93)

Cedente ed acquirente devono essere entrambi soggetti passivi IVA.

L’operazione deve essere a titolo oneroso.

I beni devono essere spediti o trasportati da uno Stato dell’Ue all’altro (il che esclude dalla disciplina i beni immobili e le prestazioni di servizi)


MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELL’ACQUISTO INTRACOMUNITARIO

(art.39 DL 331/93)

Nel momento della consegna nel territorio dello Stato all’acquirente o a terzi per suo conto, se il trasporto è effettuato con mezzi del venditore o di terzi.

Nel momento di arrivo nel luogo di destinazione nel territorio dello Stato nel caso di trasporto con mezzi dell’acquirente.


BASE IMPONIBILE ED ALIQUOTA

(art. 43 D.L. 331/1993)

La base imponibile è data dall’ ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti al cedente secondo le condizioni contrattuali, compresi gli oneri e le spese inerenti all’esecuzione e i debiti o gli altri oneri verso terzi accollati all’acquirente, aumentato delle integrazioni direttamente connesse con i corrispettivi dovuti da altri soggetti.

Si applica l’aliquota relativa ai beni secondo le disposizioni nazionali.


FATTURAZIONE DELL’OPERAZIONE

(art.46 DL 331/1993)

La fattura di acquisto intracomunitaria va:

  • numerata dall’acquirente;
  • integrata dall’acquirente con i seguenti dati:
    • se la fattura è espressa in valuta estera occorre indicare il controvalore in euro del corrispettivo e degli altri elementi che concorrono a forma la base imponibile;
    • ammontare dell’imposta, calcolata secondo l’aliquota dei beni. Nel caso in cui si tratti di un acquisto intracomunitario senza pagamento dell’imposta o non imponibile o esente, occorre indicare il titolo e la norma di riferimento.


DETRAZIONE

(art.43 DL 331/1993)

L’IVA assolta sull’acquisto intracomunitario è detraibile secondo le regole ordinarie contenute nell’art.19 e seguenti del DPR 633/72.


REGISTRAZIONE DELLE OPERAZIONI

(art.47 DL 331/1193)

Le fatture di acquisto intracomunitarie vanno registrate:

  • nel registro delle fatture emesse entro il mese di ricevimento o anche successivamente, ma comunque entro 15 giorni dal ricevimento e con riferimento al relativo mese;
  • nel registro degli acquisti con gli stessi termini e, in ogni caso, mai prima della registrazione nel registro delle vendite.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net