Vai alla home page Scrivici una e-mail Chi sono Collabora col sito
       
Ricerca personalizzata

 

Iscriviti alla newsletter


Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque argomento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookies.

 

Visualizza i nostri approfondimenti  
Accedi ai nostri corsi gratuiti  
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping  

 

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 
   
www.SchedeDiGeografia.net  
 
 
www.StoriaFacile.net  
 
 
www.LezioniDiMatematica.net
 
www.DirittoEconomia.net
 
Utilità  
   
 

 

 
 
 
 
 
 

 
 

 

 

   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Gestione separata INPS - Soggetti obbligati, contributi dovuti, termini per i versamenti

 

 

 
 
 

Approfondimento del 18.02.2008

 

La Gestione separata INPS è stata istituita con la L.335 del 1995.

Essa ha previsto una forma di previdenza per quei soggetti per i quali non era prevista alcuna forma di previdenza.

 

 

Soggetti obbligati all’iscrizione

 

Hanno l’obbligo di iscrizione alla gestione separata INPS:

  • i soggetti che esercitano per professione abituale attività di lavoro autonomo (art. 2222 c.c.) e che non sono iscritti ad un'autonoma Cassa di previdenza;

  • gli incaricati alla vendita a domicilio con reddito professionale annuo superiore a 5.000 euro;

  • gli spedizionieri doganali;

  • i titolari di borse di studio per la frequenza a corsi di dottorato di ricerca;

  • i percettori di assegni per attività di tutorato o didattico-integrative, propedeutiche e di recupero;

  • i soggetti che, nell'ambito dell'associazione in partecipazione, conferiscono esclusivamente prestazioni lavorative i cui compensi sono qualificati come redditi di lavoro autonomo ad esclusione del caso in cui l’associato sia già iscritto ad un albo professionale;

  • i lavoratori che svolgono collaborazioni coordinate a progetto;

  • i lavoratori che svolgono collaborazioni coordinate e continuative occasionali senza progetto (c.d. mini collaborazioni caratterizzate dalla percezione di un reddito non superiore ad Euro 5.000 e da una durata inferiore a trenta giorni nell'anno);

  • i pensionati di vecchiaia che svolgono collaborazioni coordinate e continuative;

  • i professionisti iscritti in Albi di categoria esistenti alla data del 24 ottobre 2003 che intrattengano rapporti di collaborazione coordinate e continuativa sempre che i relativi redditi non siano già assoggettati alla specifica previdenza di categoria;

  • i soggetti che intrattengano rapporti di collaborazioni coordinate e continuative a favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali;

  • i componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società ed i partecipanti a collegi e commissioni;

  • i lavoratori autonomi occasionali (art. 2222 c.c.) che non hanno l’obbligo di iscrizione ad autonoma Cassa di previdenza che producano un reddito annuo superiore a 5.000 euro.

 

Modalità di iscrizione alla Gestione separata

 

La domanda di iscrizione alla gestione separata può essere effettuata:

  • direttamente presso gli sportelli dell’INPS;

  • telefonicamente al numero gratuito 803.164;

  • dal sito www.inps.it utilizzando i servizi on line.

 

Contributi dovuti

 

I contributi dovuti variano:

  • a seconda dei soggetti obbligati;

  • a seconda che i soggetti siano privi o meno di altra forma di tutela previdenziale.

Nel caso di collaborazioni coordinate e continuative e di collaborazioni coordinate a progetto i contributi alla Gestione separata INPS sono:

  • per 2/3 a carico del committente;

  • per 1/3 a carico del collaboratore.

Il versamento del contributo è fatto dal committente anche per la quota posta a carico del lavoratore.

 

Nel caso di lavoratori autonomi non iscritti ad un’autonoma cassa di previdenza i contributi sono interamente a loro carico. Tuttavia essi hanno la facoltà (e dunque non l’obbligo) di addebitare al committente, in via definitiva, una percentuale pari al 4% dei corrispettivi lordi.

 

Le aliquote contributive relative al 2007 erano le seguenti:

  • 23,50% per i non iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria oltre alla Gestione separata INPS;

  • 16% per i collaboratori e i professionisti iscritti ad altra forma di previdenza, i titolari di pensione diretta, i titolari di pensione di reversibilità.

Per il 2008 sono state stabilite le seguenti aliquote:

  • 24,72% per i non iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria oltre alla Gestione separata INPS;

  • 17% per i collaboratori e i professionisti iscritti ad altra forma di previdenza, i titolari di pensione diretta, i titolari di pensione di reversibilità.

(Vedi anche Gestione separata INPS: la misura dei contributi per il 2009)

 

Non è previsto un minimo contributivo come accade, invece, nel caso di iscrizione all’INPS come artigiani o commercianti.

Invece è previsto un massimale, oltre il quale non sono più dovuti contributi. Per il 2007 esso ammonta a 87.187 euro.

 

Nel caso di contratti di associazione con apporto di solo lavoro deve essere effettuato un versamento pari a quello previsto per i commercianti che risulta essere per il 55% a carico dell’associante e per il 45% a carico dell’associato.

 

 

Termini di versamento

 

I lavoratori autonomi effettuano i versamenti del contributo dovuto con il meccanismo degli acconti e dei saldi negli stessi termini previsti per i versamenti IRPEF. Più precisamente, il professionista dovrà versare:

  • entro il termine per il versamento del saldo IRPEF, il saldo del contributo relativo all'anno precedente;

  • entro il termine per il versamento del primo acconto IRPEF, il primo acconto del contributo relativo all’anno in corso pari al 40% del contributo calcolato per l’anno precedente;

  • entro il termine per il versamento del secondo saldo IRPEF, il secondo acconto del contributo relativo all’anno in corso pari al 40% del contributo calcolato per l’anno precedente.

 

Nel caso di collaborazioni coordinate e continuative e collaborazioni a progetto i contributi devono essere versati dal committente entro il giorno 16 del mese successivo a quello di pagamento del compenso.

 

In entrambi i casi i contributi alla Gestione separata INPS devono essere versati utilizzando il modello F24.

 
   

 

 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Gestione separata INPS: le aliquote per il 2009

Gestione separata INPS: aliquote 2010

Gestione separata INPS: rivalsa in fattura

Gestione separata INPS: aliquote 2011


Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 01685640680

___

Siti amici