SPESE NON DOCUMENTATE

IL LORO TRATTAMENTO IN CASO DI FATTURA CON PIÙ ALIQUOTE

Aggiornato al 04.04.2009

Nel caso in cui, una stessa fattura, riguardi merci soggette a diverse aliquote, l’ importo delle spese non documentate deve essere ripartito in proporzione al valore delle singole merci e ciascuna parte proporzionale di spese è soggetta ad una distinta aliquota d’imposta.

Esempio:
La nostra azienda cede al cliente ROSSETTI, i seguenti beni:

  • merci, per un totale di 1.400 euro – aliquota IVA 20%;
  • merci per un totale d 200 euro – aliquota IVA 10%.

Il totale della merce ceduta ammonta 1.600 euro.
La nostra azienda, inoltre, si impegna a trasportare la merce presso il magazzino del cliente con propri mezzi. Il corrispettivo pattuito per la prestazione accessoria è di 100 euro.


Poiché in fattura sono presenti sia merci con aliquota al 20% che merci con aliquota al 10%, le spese di trasporto vanno divise in due parti: una da assoggettarsi al 20% di IVA e una al 10%.

Il riparto va fatto in proporzione al valore delle singole merci, cioè nel modo seguente:

valore complessivo merci: valore merci soggette all’aliquota 20% = spese di trasporto complessive: spese di trasporto soggette all’aliquota 20%

ovvero

1.600 : 1.400 = 100 : x

x = (1.400 x 100)/1.600 = 87,50

Quindi 87,50 euro sono soggetti all’aliquota IVA 20%, mentre 12,50 euro (100 – 87,50) sono soggetti all’aliquota IVA del 10%.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net