www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Cessioni gratuite di beni ad ONLUS - come si deve comportare l'impresa in caso decida di cedere gratuitamente dei beni a delle ONLUS

 

 

 
 
 
Approfondimento del 12.05.2012

 

Le cessioni gratuite di beni sono esenti da IVA se effettuate a favore di enti pubblici, associazioni riconosciute o fondazioni aventi esclusivamente finalità di beneficenza, educazione, istruzione, studio o ricerca scientifica e delle ONLUS (art.10 D.P.R. 633/72, punto12).

 

Affinché l'operazione sia considerata esente è necessario:

 

  • una comunicazione scritta da parte del cedente agli Uffici dell’Amministrazione finanziaria e ai comandi della Guardia di finanza competenti in relazione al domicilio fiscale del contribuente, con l’indicazione:

  • della data, ora e luogo di inizio del trasporto;

  • della destinazione finale dei beni;

  • dell’ammontare complessivo, sulla base del prezzo di acquisto, dei beni gratuitamente ceduti.

La comunicazione deve pervenire ai suddetti uffici almeno cinque giorni prima della consegna e può non essere inviata qualora l’ammontare del costo dei beni stessi non sia superiore a 5.164,57;

 

La comunicazione non deve essere data nel caso di cessioni gratuite di prodotti alimentari o farmaceutici se i beni sono facilmente deperibili, di modico valore e il l’ammontare complessivo del costo non supera 5.164,47 euro (RM 46/2002).

  • emissione del documento di trasporto progressivamente numerato;

 

  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio con la quale l’ente ricevente attesti natura, qualità e quantità dei beni ricevuti corrispondenti ai dati contenuti nel documenti di trasporto.

 

La mancata predisposizione anche di uno solo di questi documenti comporta l’imponibilità della cessione gratuita.

 

Si ricorda, inoltre, che l’art.19, comma2, stabilisce che non è detraibile l’imposta relativa all’acquisto o all’importazione di beni afferenti operazioni esenti o comunque non soggette ad imposta.

Di conseguenza l’IVA relativa all’acquisto o all’importazione di beni ceduti gratuitamente ad enti pubblici, associazioni riconosciute o fondazioni aventi esclusivamente finalità di beneficenza, educazione, istruzione, studio o ricerca scientifica o ad ONLUS non danno diritto alla detrazione dell’IVA.

Pertanto, se il contribuente, ha provveduto alla detrazione dell’IVA assolta sugli acquisti o sulle importazioni di tali beni, dovrà procedere alla opportuna rettifica. 


 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Presunzione di cessione e di acquisto

Presunzione di cessione

Beni utilizzati nella produzione

Perdita di beni

Distruzione di beni aziendali

Vendite di beni a stock

Consegna di beni a titolo non traslativo della proprietà

Merci in conto deposito

Merci in conto lavorazione

Registro merci in conto deposito e registro merci in conto lavorazione

Beni destinati a finalità estranee all'impresa

Rettifica detrazione IVA


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681