LE SPESE DI PUBBLICITA'

COME CONCORRONO ALLA FORMAZIONE DEL REDDITO

Aggiornato al 27.02.2008

Le spese di pubblicità sono disciplinate, sotto il profilo fiscale, nell’art.108 del TUIR, insieme alle spese di propaganda . Accanto a tali spese la norma fiscale prevede anche una specifica disciplina per quanto concerne le spese di rappresentanza.

Le spese di pubblicità e propaganda sono interamente deducibili. Tali spese possono essere trattate con due criteri alternativi:

  • possono essere dedotte per intero nell’esercizio in cui sono sostenute;
  • possono essere dedotte in più esercizi in quote costanti in un periodo massimo di cinque esercizi. Quindi se l’impresa opta per questo criterio la quota da imputare a ciascun esercizio può essere scelta liberamente purché si rispettino due criteri:
    • calcolo di quote costanti;
    • periodo massimo di ammortamento: 5 esercizi.

Le alternative che si presentano all’impresa sono sintetizzate nella tabella che segue:


Deducibilità delle spese di pubblicità


Anche per le spese di pubblicità vale la regola che nel caso siano sostenute da imprese di nuova costituzione esse sono deducibili a partire dall’esercizio in cui sono conseguiti i primi ricavi.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net