FACTORING PRO-SOLVENDO

ASPETTI CONTABILI DEL FACTORING PRO-SOLVENDO CON ANTICIPAZIONE

Aggiornato al 23.04.2015

Esaminiamo, di seguito, le scritture contabili che devono essere redatte nelle operazioni di factoring con clausola pro-solvendo, qualora la società di factoring anticipi all’impresa cedente l’importo dei crediti ceduti (si parla, in questo caso, di conventional factoring).

Ricordiamo che, con la clausola pro-solvendo, la società di factoring può esercitare il diritto di rivalsa nei confronti dell’impresa cedente nei casi di mancato pagamento, da parte del debitore, dei crediti ceduti.


Esempio:
l’impresa Alfa Srl cede ad una società di factoring la totalità dei suoi crediti con clausola pro-solvendo e conventional factoring.
L’importo dei crediti ceduti ammonta a 100.000 euro.
La società di factoring trattiene commissioni per 1.500 euro ed interessi per 5.000 euro. Essa anticipa 70.000 euro, mentre versa la somma restante solamente al momento del loro incasso.



Contabilmente, la società Alfa Srl dovrà:

  • continuare a mantenere iscritti i crediti ceduti alla società di factoring in bilancio poiché la cessione è avvenuta con clausola pro-solvendo e, di conseguenza, non sono stati trasferiti i rischi relativi a tali crediti;
  • iscrivere nelle passività un debito di natura finanziaria per l’ importo anticipato dalla società di factoring;
  • rilevare gli interessi e le commissioni secondo i consueti principi di competenza.

La scrittura da redigere, al momento in cui si riceve l’anticipo, è la seguente:


Scrittura relativa all'ottenimento dell'anticipo

Se l’incasso dei crediti avviene l’anno successivo è necessario rinviare una parte degli interessi all’esercizio seguente nel quale si concluderà l’operazione in base al principio di competenza. La scrittura da rilevare sarà:


Scrittura relativa ai risconti attivi

Al momento dell’incasso dei crediti si procederà:

  • alla chiusura dei conti accesi ai crediti verso i clienti;
  • alla chiusura del debito verso la società di factoring;
  • alla rilevazione del versamento da parte della società di factoring del saldo ancora dovuto.

Nella scrittura che segue abbiamo ipotizzato che non vi fosse, al momento della cessione dei crediti alla società di factoring, un accantonamento a fondo svalutazione crediti relativo ai crediti ceduti. In caso contrario si dovrebbe procedere alla sua chiusura oltre che alla chiusura dei crediti ceduti.


Scrittura relativa all'incasso dei crediti

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net