www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

 

Gli altri approfondimenti:

 


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Calcolo della tredicesima mensilità - come viene calcolata la tredicesima mensilità

 

 

 
 
 

Approfondimento del 13.12.2011

 

La tredicesima mensilità è una mensilità aggiuntiva prevista da quasi tutti i contratti collettivi nazionali di lavoro: ognuno dei quali ne stabilisce i criteri di calcolo.

Ricordiamo che per mensilità aggiuntiva si intende uno stipendio che si aggiunge a quelli che vanno a retribuire i 12 mesi di lavoro dell’anno.

 

Ma come viene calcolata la tredicesima mensilità?

Vediamo insieme le regole generali, salvo norme particolari fissate dal CCNL applicabile nei diversi settori.

 

La tredicesima viene calcolata prendendo in considerazione tutti gli elementi della retribuzione che sono corrisposti al dipendente con carattere continuativo. Ad esempio:

  • l’indennità di contingenza;

  • terzi elementi, EDR, trattamento di vacanza contrattuale;

  • le indennità di mansione.

 

Nel caso in cui al dipendente vengono corrisposti cottimi, premi di produzione, provvigioni ed altri incentivi, di essi si tiene conto nel calcolo della tredicesima, in base ai loro valori medi.

 

Nel calcolo della tredicesima non si tiene conto, invece, degli elementi della retribuzione corrisposti al dipendente in modo non continuativo come, ad esempio, lavoro straordinario, lavoro notturno, festività, ferie non godute, rimborsi spese, indennità di trasferta ed altre indennità corrisposte solo occasionalmente, ecc..

 

 

Vediamo un esempio pratico di calcolo della tredicesima.

 

Esempio.

Supponiamo che il dipendente percepisca normalmente:

 

Paga base

1.000

Indennità di contingenza

500

Assegno ad personam

100

Scatti di anzianità

80

Retribuzione di fatto

1.680

 

 

Il calcolo da fare in busta paga sarà il seguente:

 

Paga base 1.680 : 12 = 140 rateo di tredicesima spettante per ogni mese lavorato.

 

Supponiamo che il dipendente abbia lavorato per tutti i 12 mesi precedenti la data di erogazione della tredicesima. La sua tredicesima andrà calcolata moltiplicando il rateo di tredicesima per 12, ovvero:

 

140 x 12 mesi = 1.680 euro.

 

Questo importo rappresenta il totale lordo della busta paga.

 

Se il dipendente avesse lavorato solamente negli 8 mesi precedenti la data di erogazione della tredicesima, essa sarebbe stata calcolata nel modo seguente:

 

140 x 8 mesi = 1.120 euro.

 

Per il calcolo dei mesi di lavoro in genere si considera mese intero la frazione di mese superiore a 15 giorni.

 

Esempi:

  • dipendente assunto il 20 settembre.

Per il calcolo della tredicesima si contano 3 mesi (ottobre – dicembre), quindi 3 ratei di tredicesima.

  • dipendente assunti il 10 settembre.

Per il calcolo della tredicesima si contano 4 mesi (settembre – dicembre), quindi 4 ratei di tredicesima.

 

La tredicesima mensilità matura anche nei periodi di assenza retribuita dal lavoro quali:

  • maternità obbligatoria, astensione anticipata dal lavoro, allattamento;

  • malattia per tutto il periodo per il quale si ha diritto alla conservazione del posto di lavoro;

  • infortunio;

  • ferie, festività, permessi retribuiti;

  • cassa integrazione guadagni ad orario ridotto.

 

Mentre nel conteggio del periodo di lavoro ai fini del calcolo della tredicesima mensilità non si tiene conto di:

  • malattia e infortunio per il periodo che va oltre il limite per la conservazione del posto di lavoro (periodo di comporto);

  • cassa integrazione guadagni a zero ore;

  • permessi per assistenza di persone handicappate (L.104/92);

  • scioperi;

  • permessi non retribuiti e assenze non giustificate.

 

Vediamo un altro esempio di calcolo della tredicesima:

 

Esempio.

Supponiamo che il dipendente percepisca normalmente:

 

Paga base

1.000

Indennità di contingenza

500

Indennità di vacanza contrattuale

64

Scatti di anzianità

80

Retribuzione di fatto

1.644

 

Ipotizziamo, inoltre, che il nostro dipendente percepisca ogni mese 100 euro di assegni familiari.

 

Questi ultimi non entrano nel calcolo del rateo di tredicesima che quindi sarà pari a:

 

1.644 : 12 = 137.

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Tredicesima mensilità e part-time

Tredicesima mensilità- aspetti fiscali e previdenziali

Retribuzione di fatto

Scatti di anzianità

Calcolo della retribuzione

La paga base

Mensilità aggiuntive: scritture contabili di fine esercizio


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681