www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Lavoro straordinario - sua nozione

 

 

 
 
 

Approfondimento del 14.07.2011

 

Si considera lavoro straordinario quello prestato oltre il normale orario di lavoro.

 

Il ricorso al lavoro straordinario è soggetto alle limitazioni previste nei contratti collettivi.

In ogni caso la durata massima dell’orario di lavoro non può superare le 48 ore settimanali comprese le prestazioni straordinarie.

 

Il totale del lavoro prestato dal dipendente, sia come lavoro ordinario che straordinario, non può superare la media di 48 ore settimanali. Tale media va calcolata con riferimento ad un periodo non superiore a 4 mesi che può essere esteso, nei contratti collettivi, fino a 6 mesi o a 12 mesi in casi di ragioni obiettive, tecniche o inerenti l’organizzazione del lavoro, ragioni che devono essere precisate nei contratti collettivi.

 

Il ricorso alla straordinario è sempre ammesso nei seguenti casi:

  • esigenze tecnico-produttive con impossibilità di assumere altri lavoratori;

  • casi di forza maggiore o di pericolo grave ed immediato per le persone o per la produzione;

  • mostre, fiere, manifestazioni e relativo allestimento di prototipi o modelli. In questa ipotesi è necessario effettuare una comunicazione agli uffici competenti e alle rappresentanze sindacali.

 

Qualora non esiste alcun contratto collettivo applicabile al rapporto di lavoro, le prestazioni straordinarie sono ammesse nel limite massimo di 250 ore annue, previo accordo tra le parti.

 

Il lavoro straordinario prestato da ciascun dipendente deve essere evidenziato in busta paga a parte rispetto al normale orario di lavoro.

Esso viene retribuito secondo quanto previsto dal contratto collettivo: in genere con una maggiorazione oraria rispetto al  lavoro ordinario che può essere diversa a seconda che si tratti di straordinario diurno, notturno, festivo, ecc…

 

Il contratto collettivo può prevedere anche dei riposi compensativi in alternativa alla maggiorazione retributiva o in sua aggiunta.

 
   

 

 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Orario di lavoro

Orario normale di lavoro

Banca ore

Straordinario forfettizzato


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681