Vai alla home page Scrivici una e-mail Chi sono Collabora col sito
       
Ricerca personalizzata

 

Iscriviti alla newsletter


Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque argomento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookies.

 

Visualizza i nostri approfondimenti  
Accedi ai nostri corsi gratuiti  
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping  

 

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 
Siti partner:  

 
   
www.SchedeDiGeografia.net  
 
 
www.StoriaFacile.net - Per studiare la storia con facilità  
 
 
Utilità  
   
 

 

 
 
 
 
 
 

 
 

 

 

   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Prestazioni occasionali e ritenuta d'acconto - assoggettamento a ritenuta d'acconto dei compensi per prestazioni occasionali

 

 

 
 
 

Approfondimento del 31.05.2011

 

Il lavoro autonomo può essere distinto in:

  • lavoro autonomo svolto in maniera abituale;

  • lavoro autonomo svolto occasionalmente.

 

 

Se la prestazione di lavoro occasionale è svolta nei confronti di imprese individuali, società ed enti di ogni tipo, professionisti o amministratori di condominio, i relativi compensi sono soggetti a ritenuta d’acconto.

 

Chi effettua la prestazione deve emettere una ricevuta per prestazione occasionale. Sulla ricevuta deve essere applica la marca da bollo da 1,81 euro se l’importo della ricevuta supera 77,47 euro.

 

La ritenuta da calcolare è pari al 20% dei compensi percepiti.

 

Esempio:

Compenso concordato per prestazione occasionale: 3.000 euro.

 

Compenso per prestazione occasionale di …….

3.000

- Ritenuta d’acconto 20% (3.000 x 20%)

- 600

= Netto a pagare

= 2.400

 

Il cliente paga al lavoratore autonomo professionale, 2.400 euro e versa la ritenuta di 600 euro all’erario.

La ritenuta operata deve essere versata all’erario entro il giorno 16 del mese successivo a quello di pagamento del compenso.

 

Esempio.

Pagamento della prestazione occasionale il 3 marzo.

Versamento della ritenuta d’acconto entro il 16 aprile.

 

La ritenuta deve essere versata all’erario con il modello F24 utilizzando il codice tributo 1040.

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Fac simile ricevuta prestazione occasionale

Prestazioni occasionali

Lavoro occasionale di tipo accessorio

Ritenute fiscali

Ritenute alla fonte

Ritenute alla fonte - redditi sui quali si applicano

Ritenute sui redditi di lavoro dipendente

Ritenuta d'acconto professionisti

Le ritenute d'acconto in fattura

Rimborsi spese e ritenute d'acconto


 

 

 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

Problemi con la matematica?


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 01685640680

___

Siti amici