www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 
 
   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Lavoro occasionale  - le regole introdotte dalla L.96 del 2017

 

 

 
 
 

Approfondimento del 27/06/2017

 

La L.96 del 21/06/2017 ha stabilito nuove regole per il lavoro occasionale.

Di seguito illustriamo le sue caratteristiche.

 

 

SOGGETTI UTILIZZATORI:
  • persone fisiche

non nell'esercizio dell'attività professionale o d'impresa

Per i seguenti lavori:
  • piccoli lavori domestici, compresi lavori di giardinaggio, pulizia o manutenzione;

  • assistenza domiciliare a bambini e persone anziane, malate o disabili;

  • insegnamento privato supplementare

  • altri utilizzatori

Esclusi:

  • coloro che hanno alle loro dipendenze più di 5 lavoratori subordinati a tempo indeterminato;

  • imprese del settore.

     

    Possono avvalersi del lavoro occasionale solamente nel caso:

    • di pensionati di vecchiaia o invalidità;

    • di studenti con meno di 25 anni di età;

    • di disoccupati;

    • di percettori di prestazioni integrative del reddito da lavoro;

    • di percettori del reddito di inclusione;

    • di percettori di prestazioni di sostegno del reddito.

     

    Il percettore non deve essere iscritto, l'anno prima della prestazione, agli elenchi dei lavoratori agricoli.

  • imprese dell'edilizia e dei settori affini;

  • imprese esercenti attività di escavazione o lavorazione di materiale lapideo;

  • imprese del settore delle miniere, cave e torbiere;

  • nell'ambito dell'esecuzione di appalti di opere e servizi. 

  • amministrazioni pubbliche
Nel rispetto di taluni vincoli e solamente per esigenze temporanee o eccezionali.

 

REQUISITI DEL LAVORO OCCASIONALE

Ci troviamo di fronte ad una prestazione occasionale nei casi in cui:

 

  • l'utilizzatore corrisponde compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro. Tale limite deve essere calcolato facendo riferimento alla totalità dei prestatori;

 

Tali limiti devono essere riferiti all'anno civile.
  • il prestatore percepisce compensi complessivamente non superiori a 5.000 euro. Tale limite deve essere calcolato facendo riferimento alla totalità degli utilizzatori;

 

  • le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore, in favore del medesimo utilizzatore, devono essere contenute nel limite di compensi di importo non superiore a 2.500 euro;

 

  • non venga superato il limite temporale di 280 ore.

 

 

 

 

Esempio:

 

Prestatore Utilizzatore Compenso Limiti
Prestatore A Impresa Rossi * 1.500 euro (entro 2.500 €)
Impresa Bianchi 2.500 euro (entro 2.500 €)
Impresa Verdi 1.000 euro (entro 2.500 €)
  Totale 5.000 euro (entro 5.000 €)
Prestatore B Impresa Rossi * 2.000 euro (entro 2.500 €)
  * Impresa Rossi 3.500 euro (entro 5.000 €)
(si ipotizza che non vengano superate le 280 ore nell'arco dell'anno civile)

 

Nella tabella precedente abbiamo ipotizzato che il Prestatore A abbia eseguito dei lavori occasionali presso la ditta Rossi, Bianchi e Verdi. Tutte le prestazioni sono state remunerate con compensi non superiori a 2.500 euro. Inoltre la somma di tutti e tre i compensi non supera i 5.000 euro.

 

Il Prestatore B ha eseguito un lavoro occasionale nei confronti della ditta Rossi. Anche in questo caso il compenso non supera i 2.500 euro e il compenso complessivo (dato che non sono state prestate altre attività occasionali) non supera i 5.000 euro.

 

Dal lato delle imprese solo la ditta Rossi si è avvalsa di più lavoratori occasionali (lavoratore A e lavoratore B), ma non ha comunque superato complessivamente (1.500 + 2.000) il limite di 5.000 euro di compensi corrisposti.

 

Quindi, l'esempio da noi proposto rientra a pieno nell'ipotesi di lavoro occasionale.

 

Non possono essere acquisite prestazioni di lavoro occasionale da soggetti con i quali l'utilizzatore abbia in corso o abbia cessato da meno di sei mesi un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione coordinata e continuativa.

 

Esempio:

A è un dipendente della ditta Rossi. Il 1° luglio viene licenziato. Fino al 31 dicembre non può effettuare prestazioni occasionali nei confronti della ditta Rossi.

 

 

 

DIRITTI DEL PRESTATORE
  • diritto all'iscrizione alla Gestione separata INPS per l'assicurazione per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti;

  • diritto all'iscrizione all'INAIL per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali;

  • diritto al riposo giornaliero, alle pause e ai riposi settimanali.

 

TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI

Sui compensi percepiti dal prestatore per lavoro occasione non sono dovute imposte.

 

Tali compensi:

  • non incidono sullo stato di disoccupato;

  • sono computabili ai fini della determinazione del reddito necessario per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno.

 

ADEMPIMENTI DELLE PARTI:
Prestatori e utilizzatori Devono registrarsi su un'apposita Piattaforma informatica INPS.

La registrazione e i successivi adempimenti possono essere svolti anche tramite un intermediario.

Se il committente è una persona fisica la registrazione e i successivi adempimenti possono essere svolti da un ente patronato.

I versamenti possono essere effettuati anche tramite modello F24. In questo caso non è possibile effettuare compensazioni.

 

UTILIZZATORE PERSONA FISICA
Acquista un libretto nominativo prefinanziato che prende il nome di Libretto di Famiglia.

 

Dove si acquista?
  • attraverso la piattaforma informatica INPS;

  • presso gli uffici postali.

 

A cosa serve il Libretto di Famiglia?

Per pagare i lavori occasionali resi, a suo favore, da uno o più prestatori.

 

Cosa contiene il Libretto di Famiglia?

Ogni Libretto di Famiglia contiene titoli di pagamento del valore nominale di 10 euro da usarsi per compensare prestazioni di durata non superiore ad 1 ora

 

A carico dell'utilizzatore sono il pagamento dei contributi alla Gestione separata INPS e il premio di assicurazione INAIL. In che misura?
  • 1,65 euro alla Gestione Separata INPS;
  • 0,25 euro all'INAIL.

Quindi un'ora di lavoro ha un costo minimo di 11,90 euro per l'utilizzatore (10 + 1,65 + 0,25)

 

Comunica la prestazione effettuata Entro quale termine?

Entro il giorno 3 del mese successivo allo svolgimento della prestazione

 

Con quali modalità?
  • Mediante la piattaforma informatica INPS;

oppure

  • mediante il contact center dell'INPS.

 

Cosa deve comunicare?
  • I dati del prestatore;

  • il compenso pattuito;

  • il luogo di svolgimento della prestazione;

  • la durata della prestazione;

  • ogni altra informazione necessaria per la gestione del rapporto.

 

ALTRI UTILIZZATORI
Attiva il contratto di prestazione occasionale.

 

Versa le somme da utilizzare per pagare le prestazioni Come effettua il versamento?

Mediante la piattaforma informatica INPS

 

Quanto versa?

 

Il compenso minimo orario è pari a 9 euro (tranne nel settore agricolo).

 

I contributi alla Gestione Separata INPS sono a carico dell'utilizzatore nella misura del 33% del compenso. 

 

Sempre a carico dell'utilizzatore sono i contributi INAIL nella misura del 3,5% del compenso.

 

L'1% è destinato al finanziamento degli oneri gestionali.

Quindi un'ora di lavoro ha un costo minimo di 12,38 euro per l'utilizzatore (9 + 2,97 + 0,32 + 0,09).

Comunica la prestazione da effettuare Entro quale termine?

Almeno un'ora prima dell'inizio della prestazione.

 

Con quali modalità?
  • Mediante la piattaforma informatica INPS

oppure

  • mediante il contact center dell'INPS

 

Cosa deve comunicare?

 

  • I dati del prestatore;

  • il luogo di svolgimento della prestazione;

  • l'oggetto della prestazione;

  • la data e l'ora di inizio e di termine della prestazione oppure, nel caso di imprenditore agricolo, la durata della prestazione con riferimento ad un arco temporale non superiore a 3 giorni;

  • il compenso pattuito per la prestazione.

 

Se la prestazione lavorativa non ha più luogo

L'utilizzatore deve comunicare, mediante la piattaforma informatica INPS o mediante il contact center dell'INPS, la revoca della dichiarazione trasmetta entro i 3 giorni successivi al giorno programmato di svolgimento della prestazione.

 

 

Se non viene comunicata la revoca della dichiarazione all'INPS L'INPS provvede al pagamento delle prestazioni, all'accredito dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi.

 

INPS
L'INPS provvede al pagamento delle prestazioni occasionali rese  nel corso del mese, con riferimento a tutte le prestazioni rese nell'ambito:
  • del Libretto di Famiglia (utilizzatori persone fisiche);
  • del contratto di lavoro occasionale (altri utilizzatori).
Il pagamento è effettuato nel limite delle somme previamente acquisite a tale scopo dall'utilizzatore
Quando viene effettuato il pagamento?

Entro il giorno 15 del mese successivo 

Come viene effettuato il pagamento?

Attraverso l'accredito delle spettanze su c/c bancario risultante sull'anagrafica del prestatore.

In mancanza di tale dato, mediante bonifico bancario domiciliato pagabile presso gli uffici postali

In quest'ultimo caso gli oneri di pagamento sono a carico del prestatore.

 

L'INPS provvede all'accredito dei contributi previdenziali sulla posizione contributiva del prestatore e al trasferimento all'INAIL, il 30/6 e il 31/12 di ogni anno, dei premi per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali nonché dei dati relativi alle prestazioni di lavoro occasionale del periodo rendicontato.

 

SUPERAMENTO DEI LIMITI DA PARTE DI UN UTILIZZATORE
In caso di superamento dei limiti, di importo o di durata, da parte di un utilizzatore il rapporto si trasforma in rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato La norma non si applica per la pubblica amministrazione

 

Nel settore agricolo il limite di durata è dato dal rapporto tra il limite di importo di 2.500 euro e la retribuzione oraria delle prestazioni di natura subordinata individuata dal contratto collettivo di lavoro stipulato dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

 

SANZIONI
Violazione dell'obbligo di comunicazione da parte degli altri utilizzatori almeno un'ora prima della prestazione

 

Sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 2.500 euro per ogni prestazione lavorativa giornaliera per cui risulta accertata la violazione.
Ricorso al lavoro occasionale da parte di soggetti che non vi possono ricorrere

 

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Prestazioni occasionali

Prestazioni occassionali e ritenute d'acconto

Prestazioni occasionali come registrare la fattura

Fac simile ricevuta prestazione occasionale


 
 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 
 
Visualizza i nostri approfondimenti

 

Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 


 

I nostri ebook

I nostri ebook

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 


 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681

 

Per la pubblicità su questo sito invia una mail a Amministrazione@MarchegianiOnLine.net