Vai alla home page Scrivici una e-mail Chi sono Collabora col sito
       
Ricerca personalizzata

 

Iscriviti alla newsletter


 

Visualizza i nostri approfondimenti  
Accedi ai nostri corsi gratuiti  
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping  

 

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 
Siti partner:  

 
   
www.SchedeDiGeografia.net  
 
 
www.StoriaFacile.net - Per studiare la storia con facilità  
 
 
Utilità  
   
 

 

 
 
 
 
 
 

 
 

 

 

   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
 

Gli acconti in bilancio - cosa occorre indicare in bilancio alla voce "acconti" presenta tra i debiti

 

 

 
 
 
Approfondimento del 30.09.2010

 

Lo schema di bilancio previsto dall’art.2424 del codice civile prevede che tra i debiti (macro-categoria D) del Passivo dello Stato patrimoniale, venga riportata la voce 6 relativa agli Acconti.

Vediamo cosa deve accogliere tale voce secondo quanto previsto dal Principio contabile n.19 che si occupa dei debiti.

 

La voce D.6 del Passivo dello Stato patrimoniale, che prende il nome di Acconti deve essere usata per indicare in bilancio:

 

  • gli anticipi ricevuti dai clienti per forniture di beni non ancora effettuate;

  • gli anticipi ricevuti dai clienti per prestazioni di servizi non ancora effettuati;

  • gli anticipi ricevuti dai clienti per cessioni di immobilizzazioni materiali, immateriali o finanziarie non ancora perfezionate, con o senza funzione di caparra;

  • gli anticipi ricevuti dai clienti a fronte di lavorazioni pluriennali.

 

Quindi, tra gli Acconti, andranno indicati indistintamente gli anticipi ricevuti sia in relazione a forniture di beni mobili, che a cessione di beni immobili, che a prestazione di servizi.

 

La voce Acconti, inoltre, serve per rilevare oltre agli anticipi ricevuti dai clienti anche le eventuali caparre riscosse da terzi.

 

La voce Acconti può accogliere anche le somme corrisposte dai committenti in via non definitiva su commesse ultrannuali.

A tale proposito il principio contabile n.23 prevede che tali somme possono essere classificate, quando fatturate, in alternativa tra:

  • le passività – alla voce D6;

  • i ricavi.

 

Quest’ultima rilevazione è da preferirsi, ma comunque non è obbligatoria, quando il corrispettivo è ragionevolmente certo. In questo caso l’acconto va detratto dal valore delle rimanenze.

Mentre la rilevazione tra gli acconti è obbligatoria se il ricavo non è sufficientemente certo. In questo caso il valore dei lavori per i quali è stato corrisposto l’acconto va incluso nel valore delle rimanenze.

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Anticipi da clienti

Fatturazione acconti

Registrazione anticipi da clienti

Clienti c/anticipi

Pagamento anticipato, immediato e differito

Registrazione anticipi a fornitori

Anticipo a fornitori per acquisto immobilizzazioni

Fornitori c/anticipi

Caparra confirmatoria e caparra penitenziale

Caparra e IVA

Registrazione delle caparre

Caparre a fornitori

Le caparre nel bilancio d'esercizio


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

Problemi con la matematica?


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 01685640680

___

Siti amici