www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 
 
   

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Esempio di calcolo del costo ammortizzato - il valore da iscrivere in bilancio nel caso di debiti valutati al costo ammortizzato

 

 

 
 
 

Approfondimento del 01.09.2017

 

 
Vediamo, di seguito, un esempio su come va calcolato il costo ammortizzato di un debito.

Ricordiamo che i debiti, vanno iscritti in bilancio, in base al costo ammortizzato tenuto conto del fattore temporale.

Il criterio del costo ammortizzato presuppone la ripartizione temporale dei  flussi di una passività finanziaria effettuata in base al criterio dell'interesse effettivo.

La necessità di tener conto del fattore temporale impone la rilevazione ad un valore attuale calcolato tenendo conto del tasso di mercato se questo è significativamente diverso dal tasso desumibile dalla condizioni contrattuali.

 

Esempio:

la Alfa Srl contrae, in data 01/01 dell'anno x un mutuo della durata di 5 anni del valore di 300.000 euro.

Il tasso di interesse annuo è pari al 3%. 

Gli interessi devono essere corrisposti in rate annuali posticipate l'01/10 di ogni anno.

Le spese di istruttoria e perizia, addebitate dalla banca al momento dell'erogazione del prestito, ammontano a 3.300 euro.

La quota capitale deve essere rimborsata in una sola rata alla scadenza.

Il capitale iniziale ricevuto dall'impresa al momento dell'erogazione del mutuo è dato dalla differenza tra il valore nominale del mutuo (300.000) e le spese di istruttoria e perizia (3.300). Esso è pari a 296.700.

L'interesse annuo nominale è pari a: 300.000 x 3% = 9.000.

Il capitale finale che dovrà essere restituito alla banca alla scadenza del prestito è dato dal valore nominale del prestito aumentato dell'ultima rata di interessi. Ovvero: 300.000 + 9.000 = 309.000.

 

A questo punto è necessario calcolare il tasso di interesse effettivo. Ricordiamo che esso viene calcolato al momento della rilevazione iniziale del debito ed è utilizzato per la valutazione successiva del debito. Il tasso di interesse effettivo è il tasso interno di rendimento, costante lungo la durata del debito, che rende uguale il valore attuale dei flussi finanziari derivati dal debito e il suo valore di rilevazione iniziale.

Quindi calcoliamoci il Tasso Interno di Rendimento (TIR).

Avendo il mutuo la durata di 5 anni, la formula da applicare è la seguente:

CIn - I (1+i)-1 -  I (1+i)-2  - I (1+i)-3  -  I (1+i)-4 - CFin (1+i)-5 = 0.

Dove:

CIn è il capitale iniziale

I è l'interesse annuo

CFin è il capitale finale.

 

Sostituendo i nostri valori avremo:

296.700 + 9.000 (1+i)-1 +  9.000 (1+i)-2  + 9.000 (1+i)-3  +  9.000 (1+i)-4 + 309.000  (1+i)-5 = 0.

 

Più semplicemente possiamo impostare i nostri dati in una tabella excel. Il capitale iniziale lo indichiamo senza segno (è un'entrata finanziaria, dunque positiva). Tutti gli altri valori li facciamo precedere dal segno meno (poiché si tratta di uscite finanziarie). 

Applichiamo, quindi, la formula finanziaria TIR.COST: inseriamo:

  • nel campo Val l'intervallo di celle nelle quali abbiamo indicato i flussi finanziari;

  • lasciamo in bianco il campo ipotesi.

Calcolo Tasso Interno di Rendimento

 

Il nostro TIR è pari al 3,242%.

 

Ora dobbiamo confrontare 

  • il tasso di interesse desumibile dalle condizioni contrattuali;

con

  • il tasso di interesse di mercato.

Nel nostro esempio, non essendoci sconti, abbuoni o commissioni, il tasso desumibile dal contratto è uguale al tasso nominale.

Inoltre supponiamo che tale tasso non sia significativamente diverso da quello di mercato. Di conseguenza non è necessario procedere alla attualizzazione.

Pertanto il valore al quale il mutuo va iscritto in bilancio al momento in cui viene contratto (nel nostro esempio 01/01 dell'anno x) è pari a 296.700 euro.

Al termine dell'esercizio (31/12 anno x), per determinare il valore da iscrivere in bilancio, occorre:

  • calcolare gli interessi sul valore contabile del credito all'inizio dell'esercizio, o alla più recente data di rilevazione, usando il tasso di interesse effettivo.

Nel nostro esempio:

296.700 x 3,242% = 9.619;

 

  • aggiungere, gli interessi ottenuti, al precedente valore contabile del credito;

costo ammortizzato precedente x TIR = interesse maturato 

296.700 + 9.619 = 306.319

 

  • sottrarre i pagamenti per interessi e capitale intervenuti nel periodo.

Nel nostro caso c'è stato il pagamento dei soli interessi, dato che il capitale verrà restituito alla scadenza. Quindi

306.319 - 9.000 = 297.319.

Questo è il valore a cui deve essere iscritto, in bilancio, nell'esercizio successivo.

 

E si dovrà procedere così per tutti i successivi esercizi fino all'estinzione del mutuo.  

Riportiamo, nella tabella che segue, i dati da indicare in bilancio nei 5 esercizi in esame:

Esercizio

Valore del debito

Interessi maturati

01/01/x 296.700  
31/12/x 297.319 9.619
31/12/x+1 297.958 9.639
31/12/x+2 298.617 9.659
31/12/x+3 299.298 9.681
31/12/x+4 300.000 9.702
 
   
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Momento in cui sorge il credito

Valutazione dei crediti

Scritture contabili mutuo rilevato al costo ammortizzato

Rateo interessi passivi su mutui

Attualizzazione debito valutato al costo ammortizzato

Crediti commerciali a lungo termine

Interessi attivi su crediti commerciali

Attualizzazione crediti infruttiferi

Crediti commerciali a lungo termine nello Stato patrimoniale

Svalutazione crediti


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 
 
Visualizza i nostri approfondimenti

 

Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 


 

I nostri ebook

I nostri ebook

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 


 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681

 

Per la pubblicità su questo sito invia una mail a Amministrazione@MarchegianiOnLine.net