www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 
 
   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  Valutazione di crediti infruttiferi - come vanno valutati i crediti commerciali con scadenza superiore a 12 mesi senza previsione di interessi espliciti

 

 

 
 
 

Aggiornato al 01.09.2017

 

Vediamo come un'impresa deve iscrivere in bilancio un credito commerciale con scadenza superiore a 12 mesi, valutato con il criterio del costo ammortizzato, nel caso in cui non sono stati previsti interessi espliciti.

A tale proposito l'OIC 15 precisa che i crediti commerciali con scadenza oltre i 12 mesi dal momento della rilevazione iniziale, senza corresponsione di interessi, o con interessi significativamente diversi dai tassi di interesse di mercato, e i relativi ricavi, si rilevano inizialmente al valore determinato attualizzando i flussi finanziari futuri al tasso di interesse di mercato. La differenza tra il valore di rilevazione iniziale del credito, così determinato, e il valore a termine deve essere rilevata a Conto economico come provento finanziario lungo la durata del credito utilizzando il criterio del tasso di interesse effettivo.

 

Esempio:

la Alfa Srl, in data 1/01 dell'anno x vende merce al cliente Rossi per 6.000 euro + IVA 22%. L'impresa accorda al cliente il pagamento a 12 mesi. Le parti concordano:

  • l'incasso della somma in due rate ognuna pari al 50% di quanto dovuto per l'acquisto della merce e della relativa IVA. Le due rate saranno corrisposte in data 30/06 dell'anno x e in data 31/12 dell'anno x;

  • che nessun interesse sia dovuto dal cliente Rossi per la dilazione accordatagli.

 

Il credito vantato nei confronti del cliente, da parte della Alfa Srl ammonta a:

6.000 x 22% = 1.320 IVA

6.000 + 1.320 = 7.320 Credito verso cliente Rossi.

 

Il tasso di interesse desumibile dalle condizioni contrattuali è pari a zero.

Supponiamo che il tasso di mercato sia del 3%.

Di conseguenza, il tasso di interesse desumibile dalle condizioni contrattuali è sensibilmente inferiore rispetto al tasso di interesse di mercato. Di conseguenza, se gli effetti sono rilevanti, si deve procedere nel modo seguente:

  • si calcola il valore attuale dei flussi finanziari futuri in base al tasso di interesse di mercato

Impostiamo un foglio lavoro e calcoliamo il valore attuale con la funzione VAN (Per comprendere le modalità di impostazione del foglio e il calcolo del valore attuale si veda Attualizzazione debito valutato al costo ammortizzato)

Valutazione credito a lunga scadenza infruttifero

Il valore che otteniamo è 7.003,30: questo non è altro che il valore di iscrizione iniziale del credito.

Il valore attuale così ottenuto è composto da due pari:

  • la prima relativa al ricavo di vendita;

  • la seconda relativa all'IVA.

Determiniamo queste due componenti impostando la proporzione:

122 : 100 = 7.003,30 : x

x = (7.003,30 x 100) / 122 = 5.740,41 ricavo attualizzato.

 

5.740,41 x 22% = 1.262,89 IVA attualizzata.

 

L'interesse implicito è pari a:

7.320,00 - 7.003,30 = 316,70.

 

Determiniamo le due componenti (quella relativa al ricavi di vendita e quella relativa all'IVA) dell'interesse implicito:

122 : 100 = 316,70 : x

x = (316,70 x 100) / 122 = 259,59 minor valore del credito per effetto dell'attualizzazione del ricavo

 

256,59 x 22% = 57,11 IVA minor valore del credito per effetto dell'attualizzazione dell'IVA.

 

  • Al valore attuale ottenuto vanno sommati i costi di transazione che, nel nostro caso, non ci sono.

 

La rilevazione iniziale del credito, dunque, è la seguente:

Diversi

a

Diversi

 

 

Crediti v/clienti

 

 

7.003,30

 

Interessi e altri oneri finanziari

 

 

57,11

7.060,41

 

a

Merci c/vendite

5.740,41

 

 

a

IVA su vendite

1.320,00

 

 

 

 

 

 

 

A questo punto bisognerebbe calcolare il tasso di interesse effettivo e usarlo per le valutazioni successive del credito. Nel nostro caso, non essendoci costi di transazione, il tasso di interesse effettivo è pari al tasso di interesse di mercato del 3%.

 

Data Valore del credito all'inizio del periodo

(a)

Interessi attivi impliciti

(a) x 3%

Flussi finanziari in entrata

(c)

Valore del credito al termine del periodo

(d) = a +b - c

30/06/ x 7.003,30 210,00 3.660,00 3.553,30
31/12/ x+1 3.553,30 106,60 3.660,00 0,00

 

In data 30/06 dell'anno x si rilevano gli interessi attivi e il loro incasso:

 

Crediti v/clienti

a

Altri proventi finanziari

 

 

210,00

 

 

 

 

 

Banca c/c

a

Crediti v/clienti

 

 

3.660,00

 

 

 

 

 

In data 31/12 dell'anno x, di nuovo, si rilevano gli interessi attivi e il loro incasso:

 

Crediti v/clienti

a

Altri proventi finanziari

 

 

106,60

 

 

 

 

 

Banca c/c

a

Crediti v/clienti

 

 

3.660,00

 

 

 

 

 

 

Il criterio di valutazione sopra esposto riguarda le imprese che redigono il bilancio in forma ordinaria e valutano i crediti al costo ammortizzato. Alle imprese che redigono il bilancio in forma abbreviata e alle micro-imprese non è richiesto lo scorporo degli interessi impliciti nel caso di crediti commerciali con scadenza oltre i 12 mesi.

 

   

 

 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Momento in cui sorge il credito

Valutazione dei crediti

Esempio di calcolo del costo ammortizzato di un debito

Scritture contabili mutuo rilevato al costo ammortizzato

Rateo interessi passivi su mutui

Attualizzazione debito valutato al costo ammortizzato

Crediti commerciali a lungo termine

Interessi attivi su crediti commerciali

Crediti commerciali a lungo termine nello Stato patrimoniale

Svalutazione crediti


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 
 
Visualizza i nostri approfondimenti

 

Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 


 

I nostri ebook

I nostri ebook

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 


 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681

 

Per la pubblicità su questo sito invia una mail a Amministrazione@MarchegianiOnLine.net