FATTURAZIONE

COME SI PROCEDE AL CALCOLO DELL'IVA IN FATTURA

Aggiornato al 01.01.2019

Il calcolo dell’IVA è molto semplice. L’imposta da applicare in caso di cessione di beni o di prestazione di servizi è data dal prodotto tra la base imponibile e l’aliquota IVA.

IVA = BASE IMPONIBILE X ALIQUOTA

Con l’espressione base imponibile s’intende l’importo su cui va applicata l’ IVA.

In linea di massima possiamo affermare che la base imponibile di una cessione di beni o di una prestazione di servizi è data dal corrispettivo stabilito dalle parti in contratto.


1° Esempio:
un’impresa produttrice di beni mobili, vende ad un dettagliante beni il cui prezzo complessivo ammonta a 30.000 euro.
La base imponibile su cui calcolare l’IVA è di 30.000 euro.


2° Esempio:
un ingegnere effettua una consulenza a favore di un’impresa. Per la prestazione resa, le parti concordano un compenso di 5.000 euro.
La base imponibile su cui calcolare l’IVA è di 5.000 euro.


3° Esempio:
un’impresa di trasporti effettua un trasporto a favore di un privato. Il compenso dovuto per il servizio ammonta a 200 euro.
La base imponibile su cui calcolare l’IVA è di 200 euro.


Il corrispettivo pattuito per la cessione dei beni o la prestazione dei servizi rappresenta l’ elemento principale che va a formare la base imponibile. Esistono, però, anche altri elementi che entrano a far parte di essa, come:


Attualmente sono in vigore quattro aliquote IVA:

  • aliquota ordinaria del 22%;
  • aliquota ridotta del 10%.
  • aliquota minima del 5%;
  • aliquota superminima del 4%

L’aliquota da applicare dipende dal tipo di bene o di servizio che forma oggetto della negoziazione.

Le aliquote del 4, del 5 e del 10% si applicano soprattutto a beni e servizi di prima necessità o di utilità sociale e sono elencati in un’apposita tabella denominata Tabella A allegata al DPR 633/72.

L’aliquota applicata nella generalità dei casi è quella del 22%.


Esempio di calcolo dell’IVA.
Un bene viene ceduto al prezzo di 1.000 euro. L’aliquota da applicare è quella del 22%.
L’IVA è pari a: base imponibile 1.000 x aliquota 22% = 220 euro.


Base imponibile e IVA devono essere arrotondati al centesimo di euro.

Gli importi vanno arrotondati al centesimo di euro superiore, nel caso in cui il terzo decimale sia maggiore o uguale a 5.

Esempio:
base imponibile 25,356
aliquota 22%
Base imponibile ARROTONDATA: 25,36
IVA: 25,36 x 22% = 5,5792
IVA ARROTONDATA: 5,58.


Gli importi vanno arrotondati al centesimo di euro inferiore se il terzo decimale è minore di 5.

Esempio:
base imponibile 25,323
aliquota 22%
Base imponibile ARROTONDATA: 25,32
IVA: 25,32 x 22% = 5,5704
IVA ARROTONDATA: 5,57

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net