AFFITTO DI AZIENDA: CARATTERISTICHE DEL CONTRATTO

LE CARATTERISTICHE DEL CONTRATTO DI AFFITTO D'AZIENDA E PERCHÉ SI RICORRE AD ESSO

Aggiornato al 04.12.2018

L’affitto di azienda è il contratto mediante il quale una parte, detta affittante, concede in godimento all’altra parte, detta affittuario, un’ azienda per un periodo di tempo determinato dietro il pagamento di un corrispettivo periodico.

Attraverso questo contratto il proprietario di un’azienda cede ad un altri la gestione della sua ditta, o di un ramo di essa, per un determinato periodo di tempo pur restando sua la proprietà dell’azienda stessa.


Il ricorso a questo contratto è essenzialmente dovuto:

  • per l’affittante al desiderio di ridurre il rischio economico-finanziario a suo carico preferendo un rendimento costante nel tempo, rappresentato dal canone di affitto concordato tra le parti, nella speranza che il valore dell’azienda rimanga inalterato nel tempo o aumenti;
  • per l’affittuario alla possibilità di iniziare un’attività d’impresa senza dover effettuare un investimento iniziale e potendo sfruttare un organizzazione già collaudata, un nome già noto sul mercato, dei rapporti già consolidati con fornitori e clienti.

Molto spesso si ricorre all’affitto di azienda nei casi di difficoltà economiche dell’imprenditore, sia quando queste iniziano a manifestarsi, che quando la crisi è ormai evidente in quanto questo contratto rappresenta un valido strumento per superare delle situazioni di crisi soprattutto perché permette di lasciare i debiti in capo all’affittante consentendo la prosecuzione dell’attività in capo all’affittuario.

Nonostante ciò, esistono anche motivazioni che possono indurre all’affitto di un’ azienda sana e solida soprattutto nel caso di un’impresa individuale.


Si pensi, ad esempio:

  • al caso di un titolare che, per sopraggiunti limiti di età, non vuole o non può proseguire più l’attività d’impresa ma intende farla proseguire ad un familiare che è ancora troppo giovane per occuparsi di essa o non ha ancora le necessarie competenze. In questi casi si può dare in affitto l’azienda per un certo periodo durante il quale ci si prepara al passaggio generazionale;
  • sempre nelle aziende individuali, nel periodo che precede il pensionamento del titolare, questi può dare in affitto l’azienda in modo da conservarne la proprietà e al tempo stesso avere un rendimento periodico da essa;
  • ancora nelle aziende individuali, il titolare potrebbe essere momentaneamente non in condizioni di occuparsi di essa, ad esempio a causa di una prolungata malattia;
  • all’affitto si può ricorrere anche quando, pur non essendoci una vera e propria crisi dell’impresa, essa mostra i segni di un rallentamento nella sua redditività che fanno pensare sia opportuno ricorrere, per un certo lasso di tempo, ad una nuova gestione, in maniera da dare ad essa una nuova spinta per tornare ad essere nuovamente competitiva e remunerativa;
  • altro caso è quello nel quale si intende vendere l’azienda, ma l’affittuario, prima di procedere all’acquisto vuole valutare dall’interno la stessa. L’affitto, quindi, rappresenta una soluzione temporanea in vista della cessione dell’azienda.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net