Vai alla home page Scrivici una e-mail Chi sono Collabora col sito
       
Ricerca personalizzata

 

Iscriviti alla newsletter


Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque argomento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookies.

 

Visualizza i nostri approfondimenti  
Accedi ai nostri corsi gratuiti  
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping  

 

I nostri ebook

I nostri ebook

 

 
Siti partner:  

 
   
www.SchedeDiGeografia.net  
 
 
www.StoriaFacile.net - Per studiare la storia con facilità  
 
 
Utilità  
   
 

 

 
 
 
 
 
 

 
 

 

 

   

 

Gli altri approfondimenti:


Approfondimenti

 
   
  La compensazione - una delle possibili forme di estinzione delle obbligazioni

 

 

 
 
 

Approfondimento del 02.03.2010

 

L’obbligazione è un vincolo giuridico patrimoniale per effetto del quale una persona (il debitore) è tenuta a dare, fare o non fare una certa cosa a favore di un’altra persona (il creditore).

 

Si parla di estinzione di una obbligazione quando la stessa cessa e il debitore è liberato.

 

Esistono vari modi di estinzione delle obbligazioni e tra essi c’è la compensazione disciplinata agli articoli 1241 e seguenti del codice civile.

 

La compensazione si ha quando due persone sono obbligate l’una verso l’altra e i due debiti si estinguono per le quantità corrispondenti.

 

Esempio:

A ha un debito verso B per 500 euro;

B ha un debito verso A per 800 euro.

 

Per effetto della compensazione B deve ad A solamente 300 euro (800 – 500).

 

La compensazione può essere di tre tipi:

  • legale;

  • giudiziaria;

  • volontaria.

 

Si parla di compensazione legale quando essa avviene per espressa previsione di legge. La compensazione legale, disciplinata all’art.1243 del Codice civile, è ammessa solamente a determinate condizioni.

 

Infatti, affinché ci possa essere la compensazione legale è necessario che i debiti siano:

  • omogenei, ovvero della stessa specie. Ad esempio somme di denaro contro somme di denaro o cose fungibili dello stesso genere (grano contro grano, olio contro olio, ecc..);

  • liquidi, ovvero determinati nel loro ammontare;

  • esigibili, ovvero scaduti.

 

La compensazione è giudiziale quando viene disposta dal giudice. Ad esempio, quando manca uno dei requisiti per la compensazione legale come la liquidità, ma il credito è considerato di facile e pronta liquidazione, la compensazione può essere disposta dal giudice (art.1243 del Codice civile, 2° comma).

 

Infine la compensazione è volontaria quando viene effettuata per espressa volontà delle parti. In questo caso non è necessario che ricorrano i requisiti previsti dalla legge perché si possa dar seguito alla compensazione. Anzi, l’art.1252 del Codice civile stabilisce che le parti possono stabilire preventivamente le condizioni della compensazione.

 

 
   

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Fac simile compensazione volontaria

Compensazione debiti e crediti tributari

Limiti alla compensazione tributaria

Compensazione crediti IVA

Compensazione contributi

La compensazione tributaria - come effettuarla

Compensazioni imposte - quadro riassuntivo

Compensazione debiti e crediti commerciali

Compensazione tributaria - scritture contabili


 

 

 

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

Problemi con la matematica?


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 01685640680

___

Siti amici