CONTRIBUTI IN CONTO ESERCIZIO

LE SCRITTURE IN PARTITA DOPPIA RELATIVE AI CONTRIBUTI IN CONTO ESERCIZIO

Aggiornato al 05.01.2017

I contributi in conto esercizio sono contributi concessi con l’obiettivo di:

  • integrare i ricavi

oppure

  • coprire i costi di gestione dell’impresa.

Sono contributi in c/esercizio anche i contributi in conto interessi erogati dallo Stato o da altri enti pubblici o dall’UE e finalizzati all’innovazione, alla ricostruzione o alla formazione del personale.


I contributi in conto esercizio devono essere rilevati in contabilità:

  • in base al principio di competenza economica;
  • nel momento in cui l’impresa ha la certezza giuridica di avere diritto al contributo, cioè quando l’ente che eroga il contributo ha emesso la delibera di approvazione all’emissione del mandato di pagamento.


Rilevazione del contributo in conto esercizio

Al momento del pagamento del contributo all’impresa si registrerà la scrittura:


Scrittura relativa al pagamento del contributo

Ricordiamo che i contributi in c/esercizio sono soggetti ad una ritenuta del 4% a titolo di acconto delle imposte.

La voce Crediti verso ente erogante deve essere portata tra gli Altri crediti dello Stato Patrimoniale.


Invece, la collocazione in bilancio della voce Contributi in c/esercizio, dipende dalla loro natura:

  • essi sono normalmente portati alla voce A5 del Conto economico "Altri ricavi e proventi" in un’ apposita sottovoce. Questa impostazione è corretta ogni qual volta il contributo integra i ricavi dell’attività caratteristica o delle attività accessorie (diverse da quella finanziaria) o riduce i relativi costi;
  • portati in detrazione alla voce C.17 "Interessi e oneri finanziari" se hanno natura finanziaria in quanto riducono direttamente l’onere degli interessi passivi su alcuni tipi di finanziamenti assunti dall’impresa;
  • inclusi tra gli "Altri proventi finanziari" alla voce C.16, se rilevati in esercizi successivi a quelli di contabilizzazione degli interessi passivi.

Per quanto riguarda la contabilizzazione dei contributi erogati in occasione di fatti eccezionali, come calamità naturali (terremoti, inondazioni, ecc..), l’OIC 12 prevedeva fino al 2015 il loro inserimento tra i proventi straordinari di reddito (voce E.20). L’eliminazione della marco-categoria E del Conto economico in seguito all’introduzione del D.Lgs.139/2015, destinata ad accogliere i componenti straordinari di reddito, ha imposto la collocazione di tali contributi nell’ area ordinaria del Conto economico.

Il nuovo OIC 12 del 2016 prevede, infatti, che devono essere rilevati tra i contributi in conto esercizio anche quelli erogati in occasione di fatti eccezionali, che quindi andranno indicati alle voci A.5.

 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:
I nostri ebook


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net