www.MarchegianiOnLine.net   
 
Iscriviti alla nostra newsletter gratuita  
 
 
 
 Home page  -   Scrivici  -   Collabora  -    Chi sono
 
 

 
   

 

Gli altri approfondimenti:


I nostri banner

Approfondimenti

 
   
  Effetti insoluti: partita doppia - le scritture contabili da effettuare in caso di protesto di effetti

 

 

 
 
 
Approfondimento del 12.05.2012

 

Può accadere che l'impresa abbia ricevuto in pagamento da un cliente un effetto (pagherò, tratta) e che esso alla scadenza non venga pagato

L'effetto verrà, quindi, protestato.

Contabilmente come occorre comportarsi?

Se l'impresa ha tenuto l'effetto in portafoglio fino alla sua naturale scadenza, essa provvederà a far elevare il protesto.

Esempio 1:

l’impresa ha in portafoglio un effetto dell'importo 1.000 euro. Esso, alla scadenza, non viene pagato dal cliente.

L’impresa fa elevare protesto dal notaio. Le spese di protesto ammontano a 50 euro.

La registrazione sarà la seguente: 

Effetti insoluti e protestati

a

Cambiali attive

 

1.050

 

 

 

 

 

 

Se l’impresa ha presentato gli effetti allo sconto, qualora l’obbligato cambiario non paga la banca si rifà sull’impresa cliente addebitando l’importo della cambiale e le spese di protesto.

Esempio 2:

l’impresa ha scontato presso la banca un effetto del valore di 1.000 euro. Esso, alla scadenza, non viene pagato.

L’effetto insoluto e protestato torna dalla banca e vengono addebitate spese di protesto per 50 euro.

La registrazione sarà la seguente:  

Effetti insoluti e protestati

a

Banca c/c

 

1.050

 

 

 

 

 

 

La situazione è simile se l’impresa ha presentato gli effetti all’incasso salvo buon fine. Anche in questa ipotesi se l’obbligato cambiario non paga la banca si rifà sull’impresa cliente addebitando l’importo della cambiale e quello delle spese di protesto.

Esempio 3:

l’impresa ha presentato all’incasso sbf un effetto dell'importo di 1.000 euro. Esso, alla scadenza, non viene pagato.

L’effetto insoluto e protestato torna dalla banca e vengono addebitate spese di protesto per 50 euro.

La registrazione sarà la seguente:  

Effetti insoluti e protestati

a

Banca c/c

 

1.050

 

 

 

 

 

 

Infine, se l’impresa ha presentato gli effetti al dopo incasso, qualora l’obbligato cambiario non paga poiché la banca non ha anticipato l’importo della cambiale essa addebita al cliente le sole spese relative al protesto.

Esempio 4:

l’impresa ha presentato al dopo incasso un effetto dell'importo di 1.000 euro. Esso, alla scadenza, non viene pagato.

L’effetto insoluto e protestato torna dalla banca e vengono addebitate le spese di protesto per 50 euro.

La registrazione sarà la seguente:  

Effetti insoluti e protestati

a

Diversi

 

1.050

 

a

Effetti all’incasso

1.000

 

 

a

Oneri bancari

50

 

 

 

 

Gli altri approfondimenti sull'argomento:

Sconto di effetti: scritture in partita doppia

Ricevute bancarie

Factoring: cessione pro-soluto

Effetti all'incasso

Effetti all'incasso registrazione

Effetti all'incasso e effetti al sbf

Effetti insoluti e protestati in bilancio

Protesto di effetti in portafoglio

Ricevute bancarie

Ricevute bancarie al salvo buon fine e al dopo incasso

Ricevute bancarie al dopo incasso

Ricevute bancarie al salvo buon fine

Ricevute bancarie al sbf

Ricevute bancarie


 
   

Visualizza gli altri approfondimenti   

 
   
 
 

 
 
Vai all'elenco di tutti i nostri approfondimenti
Accedi ai nostri corsi gratuiti
Guarda cosa puoi acquistare nell'area shopping
Visualizza le nostre utilità

 

 
 

 
 

 
 www.EconomiAziendale.net
 

 
www.SchedeDiGeografia.net
 

 
www.StoriaFacile.net
 

 
www.LezioniDiMatematica.net
 

 
www.DirittoEconomia.net
 

 
www.LeMieScienze.net
 

 

 

 


Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore

Disclaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681