SCONTO DI EFFETTI

LE SCRITTURE IN PARTITA DOPPIA

Aggiornato al 14.12.2015

Le imprese spesso, nella vendita dei beni o nelle prestazioni di servizi, accordano ai clienti il pagamento dilazionato. Esso, può essere rappresentato, in alcuni casi, da cambiali o tratte.

Lo sconto degli effetti, in questi casi, permette all’impresa di smobilizzare le somme relative a tali titoli. I crediti scontati sono per lo più rappresentati da tratte accettate o pagherò.

Lo sconto consiste nella cessione salvo buon fine di crediti vantati presso terzi non ancora scaduti ad un istituto di credito che ne anticipa l’importo, al netto delle competenze spettanti per l’operazione.

Vediamo le scritture in partita doppia generate da tale operazione:

  • Nel momento in cui l’impresa invia le cambiali allo sconto registra la scrittura:


    Invio degli effetti allo sconto

  • Nel momento in cui l’impresa riceve la lettera di accredito del netto ricavo, registra:


    Accredito importo

    Nello stesso tempo, tra i conti d’ordine, viene rilevata l’assunzione di un rischio di regresso:


    Assunzione del rischio di regresso


  • Mano a mano che le cambiali giungono a scadenza e vanno a buon fine, si storna tale scrittura.

    Ad esempio, giungono a scadenza e sono state regolarmente pagate cambiali per 5.000 euro.

    Registreremo:


    Cambiali andate a buon fine


 
Gli altri approfondimenti sull’argomento:


EconomiAziendale.net

LezioniDiMatematica.net

DirittoEconomia.net

StoriaFacile.net

SchedeDiGeografia.net

LeMieScienze.net